Il dopo mareggiata è un bollettino di guerra
Danni pesantissimi per le strutture

A Porto Potenza e Porto Recanati la tempesta ha danneggiato gli chalet: tra i più colpiti Lidobello, Mosquito, Panetti ed il Circolo della Vela
- caricamento letture
Mareggiata-Porto-Potenza-vams-31

I danni della mareggiata a Porto Potenza (Foto VAMS)

mareggiata-a-porto-potenza-vams-1

I danni della mareggiata a Porto Potenza (Foto VAMS)

di Stefano Palanca

Ancora una volta è l’area del Lidobello nell’estremo sud della costa portopotentina la zona più colpita dalla mareggiata della notte tra giovedì e venerdì, poi proseguita per tutta la giornata di ieri, del comune di Potenza Picena. Lungo tutto viale Gramsci, in parte allagato dalle piogge, le attività balneari nonostante le barricate contro le onde sono state gravemente colpite dalla potenza dei marosi.Oltre ai sottopassi chiusi quasi ovunque, come accade ogni volta che la pioggia battente colpisce la costa, ma in particolare davanti lo chalet La Lancetta e il pontino di via Don Minzoni, la mareggiata ha letteralmente distrutto le verande di alcuni locali e messo a serio rischio altri chalet. Il Lidobello Beach, un prefabbricato posizionato e fissato su una base di cemento e pesantemente bersaglio delle onde, si è piegato rischiando di finire in mare. Salvo, ma con qualche danno come sempre, il confinante balneare La Rosa dei venti mentre altre attività commerciali sono rimaste sott’acqua a causa dell’esondazione del fiume Asola poco distante. Peggio, forse, è andato allo chalet Mosquito, nella zona Belvedere poco distante: veranda pericolante e in piedi per miracolo, ma tutto il piastrellato verso est completamente messo sottosopra, senza poi contare le ultime attrezzature, compresi tavoli e seria, accartocciate su

Mareggiata-Porto-Potenza-vams-1-1024x768

I danni della mareggiata a Porto Potenza (Foto VAMS)

se stesse. L’associazione Valorizzazione Area Mare Sud – Vams di Porto Potenza, intanto, documenta tutto segnalando il problema ancora irrisolto della protezione della costa. In una nota stampa, infatti, il presidente Stefano Costantini chiarisce: “Non siamo ancora entrati in autunno e già iniziano i guai: cosa accadrà quest’inverno? In più, anzi in peggio, nasce il dubbio che parte della responsabilità possa essere attribuito al riallineamento delle scogliere fatto lungo il litorale nord senza provvedere prima a mettere in sicurezza i tratti più a sud sprovvisti di protezioni, ora dei recenti fatti avuti durante la stagione appena trascorsa sembra che anche in piena estate si ha il problema erosione”. Un’accusa pesante dettata dalla “popolazione avvilita e snervata da questi soliti problemi” si legge ancora nel comunicato del Vams. Il problema poi che l’associazione fa notare è che il Governatore della Regione Gian Mario Spacca ha da tempo ricevuto una loro missiva nel mese di giugno con la quale Costantini cercava di “sensibilizzare le istituzioni ad intervenire” ma senza risposta.
Ieri mattina, invece, il sindaco di Porto Recanti (guarda le foto della mareggiata) Rosalba Ubaldi ha incontrato i bagnini della sua città insieme all’assessore al Turismo Elena Leonardi in un summit straordinario a palazzo Volpini. I bagnini del lungomare Lepanto, in particolare dello chalet Panetti e del Circolo della vela, sono quasi in bilico sul mare mentre

Mareggiata-Porto-Potenza-vams-2

Porto Potenza (Foto VAMS)

quelli poco più a sud hanno il mare a pochi metri dalle vetrate come l’Oasi, il Gioia di Puglia e l’Acapulco. “Serve una soluzione definitiva e una per affrontare l’inverno che sta per arrivare e la Regione è al corrente della situazione della città” ha spiegato il sindaco Ubaldi ai bagnini “Per ora preoccupiamoci di affrontare la mareggiata prevista per la settimana prossima. Poi contatteremo ancora la Regione sul da farsi”. Colpite dalle mareggiate anche la zona di Santa Maria in Potenza, oltre la pineta Volpini a sud rimasta ormai con un fazzoletto di spiaggia e una parte di Scossicci, a nord. Porto Recanati ha però a disposizione di 417.000 euro della Regione per un ripascimento, denaro già stanziato ma anche di 4 milioni del Ministero dell’Ambiente che però sono bloccati. A questi si aggiungono altri 3milioni di euro della Regione in tre anni.

 

 

 

SUMMIT-BAGNINI-PORTO-RECANATI-2O

Il summit dei bagnini a Porto Recanati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mare-4

La mareggiata a Porto Recanati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X