E’ stata un’alga rossa a colorare
l’acqua del torrente Asola

CIVITANOVA - I risultati dell analisi dei tecnici dell'Arpam escludono scarichi abusivi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

acqua-rossa-asola

 

di Laura Boccanera

Nessuna irregolarità sulla colorazione anomala registrata nel torrente Asola (leggi l’articolo). Sarebbe stata un’alga rossa prodotta dal ristagno delle acque a provocare la mutazione cromatica delle acque. Dopo i campionamenti l’Arpam rassicura sulla salubrità dell’acqua. I tecnici hanno ispezionato tutta la zona risalendo il corso del torrente Asola, fino alle sorgenti senza escludere ipotesi di sversamenti abusivi da discariche o insediamenti produttivi. Il fenomeno pertanto è stato localizzato solo all’altezza della foce. I campioni di acqua sono stati prelevati dai vigili urbani del comune di Civitanova direttamente alla foce e dai tecnici dell’arpam a 100 metri prima dell’immissione in mare. “I  risultati delle prime analisi chimiche e batteriologiche permettono di escludere che il fenomeno sia determinato da scarichi abusivi – si legge in una nota emessa dall’Arpam – le stesse analisi hanno messo in evidenza la presenza sulle acque di un’alga appartenente alla famiglia delle criptoficee, che non è potenzialmente tossica”. L’alga contiene sostanze come la clorofilla, carotenoidi, e xantofille che determinano colorazioni che vanno dal verde al rosso bruno e la colorazione è tanto più intensa quanto più l’alga è concentrata. Secondo l’Arpam a provocare la presenza dell’alga sarebbe la conformazione stessa del torrente Asola che non sfocia in mare perchè ostruito dall’arenile e il ristagno delle acque, unito a condizioni atmosferiche favorevoli come caldo e elevata luminosità, avrebbero consentito il proliferare dell’alga rossa. Corvatta dell’Arpam suggerisce che il fenomeno potrebbe essere evitato attraverso il ripristino dello sbocco a mare delle acque del torrente.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X