Discarica abusiva a San Severino
Sequestrati due capannoni

Operazione della guardia di finanza di Camerino. I due immobili erano coperti di eternit in stato di degrado. Denunciate quattro persone per violazioni alla normativa ambientale
- caricamento letture
sequestro_finanza

La discarica abusiva è stata posta sotto sequestro

Discarica abusiva scoperta a San Severino Marche all’interno di due capannoni in disuso contenenti rifiuti pericolosi. Quattro i denunciati. I finanzieri di Camerino, nel corso di attività per la perlustrazione del territorio, finalizzata alla prevenzione e repressione delle violazioni in materia ambientale, durante un blitz, hanno sequestrato i due immobili, sprovvisti dei requisiti di igiene ambientale in evidente stato di degrado, composti di coperture di cemento-amianto, per oltre 1.100 metri quadri, al cui interno giacevano rifiuti pericolosi. Le lastre di eternit, usate come copertura dei capannoni, ormai rovinate, in grado produrre scorie di amianto altamente nocive per la salute.

I militari della Tenenza di Camerino, individuata l’area, con l’ausilio di Vigili del Fuoco di Tolentino e di responsabili dell’Asur Marche 3 – Zona Territoriale di Camerino, hanno proceduto al prelevamento di campioni per le successive analisi. La copertura dei fabbricati appariva già dall’esterno in evidente stato di degrado, in particolare la copertura in lastre ondulate contenente cemento-amianto era mancante di alcuni elementi, aveva i bordi in gran parte frammentati e crollati.
All’interno dell’edificio c’erano quantitativi di liquame zootecnico nelle vasche di accumulo, macchinari e rifiuti pericolosi abbandonati in modo incontrollato. Erano presenti, infatti, cisterne e fusti contenenti prodotti petroliferi.
Sul terreno circostante, oltre che all’interno di uno dei due capannoni, erano accumulati frantumi di eternit, rifiuti di demolizioni e costruzioni e altre tipologie di rifiuti di scarto.
Tutta l’area è stata sottoposta a sequestro giudiziario di conseguenza si potrà consentire la successiva bonifica dell’area che, tra l’altro, si trova vicino ad alcuni campi coltivati.
I finanzieri hanno riferito gli esiti delle attività ispettive alla Procura di Camerino, denunciando quattro persone per violazioni alla normativa ambientale.
Gli accertamenti proseguono anche al fine di esaminare la posizione fiscale dei responsabili. L’operazione rientra nei controlli che la Guardia di Finanza di Macerata effettua sulla base del Protocollo d’intesa sottoscritto con la Regione Marche, per evitare la proliferazione illecita di attività che possano nuocere alla sicurezza dei cittadini, con specifico riferimento al comparto ambientale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X