Maceratese, è qui la festa
La città celebra i biancorossi

Amichevole a Collevario per la promozione in serie D tra prima squadra e tifosi. La Rata scopre un giovane interessante, tal Moreno Morbiducci, autore di una doppietta
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
festa-maceratese-172-300x269

Il vice presidente Mirko Sirolesi, il presidente Maria Francesca Tardella, il responsabile amministrativo Francesco Launo e il direttore sportivo Claudio Cicchi

di Filippo Ciccarelli

(foto servizio di Guido Picchio e Lucrezia Benfatto)

C’era (quasi) tutta la Maceratese a salutare la città, prima del rompete le righe, e anche tanto pubblico per salutare i ragazzi che hanno riportato la serie D in città dopo 3 anni di permanenza in Eccellenza. Grandi e bambini hanno potuto conoscere meglio i giocatori biancorossi, presentati uno ad uno dal collega Andrea Busiello, che ha anche rivelato più di un retroscena curioso e simpatico dello spogliatoio. I tifosi hanno dunque  assistito al match amichevole concluso tra squadre miste, prima di pasteggiare con vino, panini con la porchetta e con una torta a tema preparata dal forno Valentini. E poteva essere una festa di sport anche in campo, se non fosse stato per il direttore di gara, il signor Piangiarelli della sezione di Macerata, che ha preso un clamoroso abbaglio nel momento decisivo della partita, condizionando il resto del match.

 

 

 

festa-maceratese-210-300x200A pochi minuti dalla fine del primo tempo e sul punteggio di 2-1 per la squadra allenata da Pietro Vecchioni (i blu), Moreno Morbiducci finisce a terra simulando una botta in testa presa a seguito di un contrasto di gioco. La punizione battuta da questo giocatore classe ’61 – complice una barriera poco reattiva nell’opporsi alla conclusione – finisce in fondo al sacco e i blu aumentano ulteriormente il vantaggio. Morbiducci segnerà poi il 3-1, segnando la doppietta che lo consacrerà come capocannoniere della manifestazione; la Maceratese potrebbe fare un pensierino su questo attaccante che farà certamente comodo in serie D.
Il match ha preso una piega difficile per i rosa, e a poco è servito l’ingresso in campo del loro mister, Guido Di Fabio, autore di una pregevole prestazione sul centro-destra e dell’assist su punizione per il secondo gol della sua squadra. La cronaca: la partita si è aperta con Carfagna che ha perso l’imbattibilità sui calci di rigore ad opera del presidente Tardella (i maligni dicono che la prima tifosa biancorossa abbia incentivato il numero uno a non sforzarsi troppo previa consegna di un assegno) subito prima del calcio d’inizio.

festa-maceratese-310-300x181
Lo stesso Carfagna ha però avuto di rifarsi durante il match, segnando un gran gol di potenza e precisione per cui ha ricevuto i complimenti anche dai giocatori rosa, suoi avversari. Dall’altra parte Massetti si è improvvisato portiere, parando il cucchiaio di Roberta Giudici, attaccante della squadra rosa, che poi dichiarerà di “aver calciato piano per non fargli troppo male”. Tifosi e giocatori si sono affrontati in un clima di festa, anche se la vera svolta (in negativo) per i rosa è arrivata in seguito alla incomprensibile decisione di mister Di Fabio, che sull’1-1 ha sostituito il sottoscritto, impegnato da esterno basso di destra. Il risultato finale non lascia dubbi; i rosa sono crollati dietro e hanno finito per perdere 5-2. Il parziale sarebbe potuto essere meno pesante se il dottor Francesco Launo non avesse mancato una rete facile facile a metà della ripresa.

festa-maceratese-71-300x195

Il pallone, calciato dall’interno dell’area di rigore, è finito a lato e il direttore amministrativo della Maceratese nel post gara ammette il rammarico: “Non so proprio come ho fatto a sbagliare, era più difficile mandarla fuori che segnare”. Voci di corridoio dicono che il presidente Maria Francesca Tardella abbia anche comminato una squalifica di 3 giornate allo stesso Launo per essersi presentato con maglia e giacchetto della Juventus, società evidentemente indigesta per l’interista Mariella, che mal sopporta la vista dei colori bianconeri. Sul fronte opposto, evidente la soddisfazione del vicepresidente Mirko Sirolesi, in forza ai blu, che ha giocato una partita attenta in difesa senza disdegnare qualche discesa in avanti: compito reso più difficile nel secondo tempo, visto il mismatch con mister Di Fabio.

festa-maceratese-61-300x179Durante e dopo la partita, a cui hanno assistito molte vecchie glorie della Maceratese degli anni ’60 e ’70, sono state spese parole importanti anche da Alferio Canesin, assessore allo sport, che ha detto di non avere particolari preoccupazioni per il campionato del prossimo anno: “Ci saranno match importanti all’Helvia Recina, e penso che i tifosi ospiti potranno assistere senza problemi nell’impianto cittadino”. Parole importanti, tanto più che il numero di derby tra marchigiani potrebbe essere davvero altissimo – tutto dipenderà da come saranno composti i gironi – ma è chiaro che la città pregusti il sapore di sfide contro squadre, tra le altre, come Ancona, Civitanovese, Recanatese, Sambenedettese e Vis Pesaro.

festa-maceratese-142-300x222

Roberto Cucco, Matteo Piergallini, Alessandro Troli, Luca Arcolai e Alberto Massetti

 

Per chiudere il resoconto semiserio di un lungo pomeriggio di festa, non possiamo che fare i complimenti alla società per il sintetico di Collevario. La struttura, punto di forza per il settore giovanile biancorosso, ha destato un’ottima impressione e sarà fondamentale per permettere alla società di programmare il futuro, qualcosa che alla Macerata calcistica manca davvero da troppo tempo.

Torta-Maceratese

La torta celebrativa della Maceratese per la promozione in serie D

festa-maceratese-91-200x300

Luca Marinangeli della "Sportiva"

festa-maceratese-101-191x300

Pierfilippo Carfagna

festa-maceratese-131-257x300

Valerio Carboni

festa-maceratese-151-296x300

L'abbraccio tra Guido Di Fabio e Moreno Morbiducci

festa-maceratese-191-300x289

Sante Rossetti e Moreno Morbiducci

festa-maceratese-201-300x256

Maria Francesca Tardella

festa-maceratese-231-200x300

Gianni Piangiarelli

festa-maceratese-110-191x300         festa-maceratese-410-169x300   festa-maceratese-510-175x300         festa-maceratese-81-300x238       festa-maceratese-111-300x272   festa-maceratese-121-300x263         festa-maceratese-161-300x253      festa-maceratese-181-206x300       festa-maceratese-211-300x187   festa-maceratese-221-300x281     festa-maceratese-241-300x200   festa-maceratese-251-300x200   festa-maceratese-261-300x298   festa-maceratese-271-300x200   festa-maceratese-281-300x200   festa-maceratese-291-300x200   festa-maceratese-301-300x227



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X