La Cingolana torna alla vittoria
Sbarbati punisce la Fortitudo Fabriano

ECCELLENZA - Allo Spivach la squadra, guidata dal duo Solferini-Strappa che ha rimpiazziato il dimissionario Carassai, conquista 3 punti fondamentali per la salvezza. Ospiti pericolosi con Bonsignore
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Maceratese-Cingolana8-300x211

Un'immagine del match Cingolana-Maceratese

Tre punti servivano alla Cingolana guidata da Sandro Solferini in collaborazione col preparatore atletico Andrea Strappa dopo le dimissioni di Carassai, tre punti la Cingolana ha guadagnato battendo di stretta misura la Fortitudo Fabriano che non ha lesinato e neanche esasperato l’impegno. Premiati i meriti della Cingolana che ha badato a non scoprirsi più di tanto, quindi ha limitato al minimo i rischi (appena due, stando alla cronaca, dall’ex Bonsignore) e applicandosi con maggior concretezza durante il primo tempo. Pericolosa al 10’ la Cingolana con Sbarbati (davvero in grande giornata e autore della rete decisiva) che ha concluso bene ma Baiocco è riuscito a dirottare il pallone in corner. Però due minuti dopo Sbarbati ha fatto centro: ricevuta la palla da Adami gliel’ha restituita ottenendola di nuovo e convergendo dalla sinistra: botta a pelo d’erba e al millimetro, sfera insaccata a fil d’angolo e imprendibile per il portiere. Al 14’ Alessandro Gigli stava per sorprendere Tamburini su punizione, però l’estremo difensore ospite con un gran balzo è riuscito a sventare in angolo. Intanto si era infortunato l’attaccante Adami (colpo al quadricipite, difficile che possa essere recuperato per l’infrasettimanale di questo mercoledì) quindi è stato impiegato il baby Maccioni che al 31’, su appoggio di Kleqka, ha risolto quasi a colpo sicuro: determinante la deviazione a lato di Ruggeri. Al 37’ Bonsignore ha sparato fuori bersaglio e al 46’ Sbarbati ha colpito la traversa che forse ancora vibra, tanto è stata poderosa la soluzione. Monocorde il secondo tempo: ancora in vetrina Maccioni lanciato da Kleqka e al 5’ anticipato dall’uscente Tamburini, quindi al 47’ Bonsignore di testa non ha colto l’attimo propizio.

Il tabellino
Cingolana 1
F. Fabriano 0

CINGOLANA: Pandolfi, Mancini, Federici, Tomassoni, Gianfelici, Fraternali, Gigli A., Gigli L., Sbarbati, Adami (dal 30’ p.t. Maccioni), Kleqka. A disp.: 12 Romagnoli, 13 D’Addazio, 14 Gambini, 15 Montironi, 16 Torelli, 17 Del Bianco. Allenatore: Solferini.

FORTITUDO FABRIANO: Tamburini, Ruggeri, Bernardi (dal 1’ s.t. Cartoni), Biocco, Canulli, Fiumana, Conti, Biondi, Bonsignore, Rosetti, Marziani (dal 15’ st Ciufoli). A disp.: 12 Porcarelli, 14 Moretti, 15 Giovannini, 16 Mandolini, 18 Coppari. Allenatore: Nico.

Arbitro: D’Angelo di Ascoli Piceno

Marcatore: Sbarbati al 12’ del p.t.

Note: ammoniti Conti, Fraternali, Tomassoni, Fiumana, Mancini. Calci d’angolo7-0 (5-0) per la Cingolana. Spettatori circa 150. Recuperi: 3 + 2’.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Donazioni
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X