Caso Ircr, la Agnani difende l’azienda
Macerata è nel Cuore: “Certificata
l’inutilità della politica locale”

Prosegue il dibattito dopo l'inchiesta di Cronache Maceratesi
- caricamento letture
paola-agnani

Paola Agnani

Patrimonio Ircr, ancora interventi dopo l’inchiesta di CM (leggi l’articolo). Il presidente Paola Agnani, nel suo ruolo di presidente del Cda difende il proprio operato e manifesta il proprio impegno a guidare l’azienda finchè il Comune non deciderà il da farsi. La Agnani, contattata dalla nostra redazione, aveva definito l’Ircr un vestito rattoppato: “Se mi danno un vestito rotto, io non posso fare altro che rattopparlo, a meno che non voglia buttarlo via» (leggi l’articolo).

Oggi, invece, la Agnani scrive: “I fiumi d’inchiostro che sono stati versati in questi giorni a proposito delle Ircr di Macerata, dopo l’articolo di denuncia dell’avvocato Giuseppe Bommarito, rischiano di “macchiare”, nell’immaginario collettivo, l’azienda che rappresento. E’ per questo motivo, difendere le ragioni della neo-azienda, e solo per questo, che mi accingo a intervenire, con l’intento di evitare ogni facile polemica e nella speranza di non cadere in una  altrettantopericolosa autocelebrazione. Se ci sono provate responsabilità su ciò che è stato, che si agisca attraverso le istituzioni competenti, altrimenti evitiamo “tante parole” che possono portare a giudizi facilmente strumentalizzabili da fazioni o soggettivi punti di vista. Le Ircr sono dal primo gennaio 2012 un’azienda di servizi alla persona in cui lavorano circa 75 “persone” che servono un’utenza formata da 104 “persone”. Uso la parola “persona” perché voglio uscire dal concetto delle liste o delle appartenenze di categoria, considerando i nomi legati a dei volti che pongono in quest’azienda attese e speranze per una vita migliore, siano essi lavoratori o ospiti. L’azienda Ircr è presente in un contesto territoriale dove opera in una economia di mercato,  analogamente ad altre realtà e, pur non perseguendo strategie di utile, deve perseguire strategie che coniughino efficacia ed efficienza delle risorse umane e materiali. In questo quadro è importante per ogni azienda inseguire una visibilità positiva che purtroppo oggi le Ircr di Macerata rischiano di vedere compromessa. L’attuale Cda presieduto dalla sottoscritta, in questi tre mesi di vita aziendale si è profuso per iniziare un “cambio sistemico” che possa portare l’azienda a dei traguardi di sviluppo, con la finalità di attuare una progettazione dei servizi alla “persona” in ambito territoriale e non vorrebbe vedere appannato il lavoro iniziato che ci si augura, possa essere il testimone da passare al nuovo Cda”.

***

Fabrizio-Nascimbeni

Fabrizio Nascimbeni

Intervengono con forza sulla vicenda Francesca D’Alessandro e Fabrizio Nascimbeni, consiglieri comunali di Macerata è nel cuore:

“Nessuno ha smentito Bommarito. Non ci sono state dichiarazioni da parte di nessuno degli interessati chiamati in causa dall’inchiesta dell’avvocato. Nessuno che sia stato capace di smentire quello che si documenta nella vicenda! Nessuno che abbia smentito il valore di 75€ a metro cubo strappato dalla ditta costruttrice. Nessuno che ci abbia spiegato perché gli oneri di urbanizzazione sono finiti incredibilmente a carico dell’Ircr che vendeva, e non della ditta che costruiva! Si è certificata allora l’inutilità della politica locale: come poteva non avvedersi in questi ultimi 10 anni di quanto avvenuto alle spalle dell’Ircr, così ben descritto dall’inchiesta di Giuseppe Bommarito e Cronache Maceratesi? A cosa servono 40 consiglieri comunali, 8 assessori e 1 sindaco, un cda e una squadra di consulenti al seguito, se poi non si è riusciti a comprendere ciò che oggi appare così drammaticamente chiaro? Perché questi errori non vengono mai commessi da aziende private? Perché non possiamo annoverare un solo caso di un’azienda privata che abbia commesso simili errori senza che i suoi amministratori se ne avvedessero? Perché non è avvenuto il contrario, con l’IRCR a ritrovarsi 10 milioni di euro in più?! Avrebbero potuto non accorgersi gli amministratori della ditta costruttrice e farsi sfuggire denaro? E che dobbiamo pensare allora noi dei nostri amministratori? Che hanno combinato nei 10 anni passati? Il nostro gruppo civico, con le mille difficoltà di accedere ai documenti per ricostruire la vicenda passata, si era comunque da subito accorto delle stranezze della stessa, e da subito si era messo al lavoro con un’interrogazione scritta e interessando la stampa locale per chiedere chiarimenti sulla vicenda. Sarebbe bastata un po’ di volontà, da parte di tutti!

DAlessandro-Francesca

Francesca D'Alessandro

Sentire dalle dichiarazioni rilasciate dall’allora sindaco Meschini, dall’allora capogruppo Ds poi Pd oggi sindaco Romano Carancini e da esponenti sia della maggioranza che dell’opposizione che non si potevano conoscere analiticamente avvenimenti così eclatanti, ci lascia esterrefatti sulle reali capacità di chi c’era! Tra l’altro l’allora presidente dell’Ircr Foresi ha confermato che tutta la vicenda, passo dopo passo, è stata continuamente concordata con i vertici comunali.  A cosa serve, allora, la politica a livello cittadino? Solo per discuteredi un palazzetto dello sport che non si amplierà mai, o di piscine che non verranno mai realizzate perché pensate su presupposti folli? Qui conosciamo alla perfezione progetti per opere che non si realizzeranno mai, lì nessuno conosceva niente riguardo ad opere che si stavano realizzando sulle terre della casa di riposo?!
Le inchieste di Bommarito devono prima di tutto aprire una profonda riflessione tra coloro che hanno rivestito e rivestono cariche pubbliche di qualunque tipo. Prima di tutto chi sa parli, perché tacere equivale ad essere conniventi con una storia non di cattiva amministrazione, ma della peggiore amministrazione! Noi di Macerata è nel cuore, nel nostro piccolo, ci stiamo battendo per ottenere un consiglio comunale aperto sull’ex Ircr, anche perché per il futuro di questa struttura si dissolva questa coltre di fumo che rischia di favorire chi, nell’omertà o nel finto perbenismo, vuole perseguire i propri interessi personali, ben nascosti dietro le apparenti necessità dell’ex Ircr.
Il patrimonio dell’ente è ancora cospicuo, circa 30 milioni di euro, ed il personale dell’Ircr non è riserva di voti per nessuno! Nella prossima conferenza dei capigruppo diventerà improcrastinabile fissare una data per il Consiglio Comunale aperto sull’Ircr”.

ircr-interno21



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X