Scoperta casa d’appuntamenti a Macerata
In manette due donne brasiliane

Un agente di polizia è riuscito ad entrare nell'appartamento in centro fingendosi un cliente. Nella casa c'erano anche altre due brasiliane risultate estranee ai fatti
- caricamento letture

Nel pomeriggio di ieri gli agenti della Squadra Mobile di Macerata hanno tratto in arresto due donne brasiliane, S.D.S.L. di 27 anni e R.D.S.A. di 29 anni, entrambe domiciliate a Macerata e in regola con il permesso di soggiorno, con l’accusa in concorso tra loro del reato di sfruttamento della prostituzione.

Nei giorni scorsi la polizia aveva appreso notizie secondo cui in un appartamento del centro di Macerata, era stata approntata una vera e propria casa di tolleranza, all’interno della quale operavano almeno quattro giovani donne sudamericane che offrivano le loro prestazioni sessuali a pagamento.

Nel pomeriggio di ieri quindi un agente, fingendosi un cliente interessato a consumare un rapporto sessuale, ha telefonato ad un numero al quale ha risposto una giovane donna dalla chiara inflessione sudamericana, con la quale venivano presi accordi sia sul tipo di prestazione che sulle modalità di ingresso nell’abitazione.

Non appena il  poliziotto è entrato in casa, la donna, poi identificata per R.D.S.A., che in quel momento era intenta a farsi fare da un’altra donna dei trattamenti di bellezza, ha indicato all’uomo una stanza al cui interno avrebbe trovato un’altra giovane, sua connazionale, dicendo che con quella avrebbe avuto il rapporto sessuale richiesto.

Entrato nella camera da letto che gli era stata indicata e adibita alla consumazione di rapporti sessuali a pagamento, la ragazza che doveva sostenere il rapporto sessuale, chiedeva la somma di 50 euro per un rapporto normale e 70 – 100 euro per rapporti non protetti. A questo punto, dopo che la ragazza si era quasi completamente denudata, il finto cliente si è qualificato e ha fatto entrare in casa altri colleghi.

Nel corso del controllo successivo, oltre alle due indagate è stata identificata anche un’altra brasiliana, oltre ad una connazionale che si trovava nella seconda camera da letto anch’essa per prostituirsi.

Terminata la prima fase di controllo, si è proceduto ad una più accurata perquisizione locale, durante la quale è stata rinvenuta una notevole quantità di preservativi all’interno di entrambe le camere da letto, segno evidente dell’intensa attività posta in essere dalle donne rintracciate all’interno dell’abitazione.

Inoltre all’interno dell’appartamento oltre alle due arrestate c’erano anche altre due cittadine brasiliane, poi risultate estranee ai fatti, le quali al momento dell’ingresso dell’agente nell’appartamento erano intente ad eseguire trattamenti di bellezza alle due arrestate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X