Operazione “La Maria a Citanò”
Sequestrati 35 chili di droga

In manette tre spacciatori, denunciati quattro acquirenti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
sequestro_bertini

Il colonnello Leonardo Bertini

di Alessandra Pierini

Il maxisequestro di quasi 35 chilogrammi di marijuana, l’arresto di tre spacciatori, un albanese, la sua compagna romena e un operaio italiano,  e la denuncia a piede libero di quattro dei loro acquirenti : è questo il risultato ottenuto dai Carabinieri di Macerata nell’ambito dell’operazione “La Maria a Citanò”. 
Intorno alle ore 15 di ieri, uomini del Reparto Operativo e del Nucleo Operativo e Radiomobile del Comando hanno iniziato a Fontespina l’attività di osservazione e pedinamento di diversi soggetti sospettati, attuando un dispositivo di cinturazione dell’area con pattuglie in borghese. Le indagini hanno permesso di rintracciare dei soggetti, a bordo di una Fiat Panda rossa e di uno scooter e di individuare quella che poi si è rivelata essere la casa in cui veniva depositato l’hashish. I militari hanno notato un sospetto andirivieni tra le persone sospettate e altre  che giungevano a piedi. Alle 19,30 è scattato il blitz dei Carabinieri.
Gli arrestati in flagranza di reato sono D.L., 25 anni, albanese,e  la sua compagna A.T., 31 anni,  ballerina romena, entrambi  pregiudicati e residenti a Civitanova e C.P. 33 anni, operaio residente a Castelfidardo di origine pugliese e pregiudicato.
bertini_carabinieri2-300x224Nell’appartamento di D.L., che viveva in un garage, sono stati rinvenuti i 34 chilogrammi di marijuana del valore di mercato di 75.000 euro circa 500 euro in contanti proventi dell’attività di spaccio, il materiale necessario per il confezionamento delle dosi e il bilancino di precisioni.
La marijuana era confezionata  in balle da un chilo e mezzo ciascuna, protette dal cellophane (che fa pensare al trasporto via mare), in parte tenute all’interno di una grossa valigia nera e in parte sopra un armadio. Gli acquirenti denunciati a piede libero sono invece tre ventunenni nullafacenti , uno residente ad Ancona, un altro di origini napoletane residente a Latina e una ragazza di Chiaravalle e un operaio trentacinquenne di Civitanova.«Stiamo indirizzando i nostri sforzi – ha spiegato il colonnello Leonardo Bertini – sulle attività criminali connesse allo spaccio di droga che negli ultimi anni sono notevolmente incrementate nella provincia. Nell’ultimo mese, dopo i colpi già inferti allo spaccio, abbiamo arrestato un albanese a Cingoli con 500 grammi di marijuana, due marocchini a Civitanova con 25 grammi di eroina e due marocchini a Macerata con 400 grammi di hashish. E’ evidente che le attività legate alla droga sono controllate da extracomunitari. Stiamo inoltre lavorando per completare il quadro del duplice omicidio di Cingoli legato al narcotraffico e per il quale i due principali indiziati sono già stati rintracciati». 

bertini_sequestro

sequestro_cc1-300x225   sequestro_cc2-300x225   sequestro_cc3-300x200

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X