bohhhh boh


Utente dal
12/10/2011


Totale commenti
3

  • “Ho fatto tutto da solo”
    Crolla e confessa il killer di Montelupone

    1 - Ott 3, 2012 - 0:57 Vai al commento »
    enricomaria infatti mai successo, per chi no si i informa, scusami un certo al capone in america ? ahhh già faceva beneficenza alla morte di giovanni vittime.  ma cresci un po non tanto casomai ti fà male. I drammi sono due famiglie distrutte, quelle delle vittime i coniugi e i famigliari di chi ha commesso il delitto.  Scusatemi ma sbaglio o qualche anno fa un vostro cittadino onorato ha cercato di uccidere l'ex moglie e l'ha buttata nel cassonetto, già buon senso quanti giorni di carcere si è fatti????? il ragazzo che ha ucciso poi stare certo che di anni in carcere gli farà. 1. perchè è macedone e 2. di certo non potrà avere lo stesso avocato di chi uccide ed esce per infermità mentale (perchè significa che deve andare a rubare nuovamente per pagarselo visto quanto costano. Io dico solo una cosa : CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA PER IL LUTTO, E CORAGGIO E FORZA DI ANDARE AVANTI PER La famiglia di chi ha commesso il delitto  di certo non stano passando un bel momento. L'INTELIGENTE MEDITA IL STUPIDO RISPONDE......
  • “Condizioni inumane”: protestano
    i detenuti del carcere di Camerino

    2 - Set 1, 2012 - 17:28 Vai al commento »
    tomasso la penso come te c'è solo un problema molti stranieri la propria casa c'è l'hanno qui in italia e di straniero hanno solo il nome che portano... in risposta agli altri .: TRATTO DALL'OSSERVATORIO DEL CARCERE DI CAMERINO.. per di più  http://www.associazioneantigone.it/osservatorio/rapportoonline/marche/camerino.htm  .la struttura rende quasi impossibile effettuare attività lavorative, formative, culturali e ricreative: l’unico spazio disponibile è la cappella. Ciò rende difficile puntare su percorsi trattamentali. Le celle non hanno condizioni di vivibilità adeguate. Aerazione e luminosità sono insufficienti. Sufficienti le condizioni di pulizia, riscaldamento, acqua potabile, energia elettrica. In passato furono già concessi dal ministero i nulla osta e il finanziamento per una nuova struttura ed il Comune sembrava aver individuato l’area, ma poi il progetto si è arenato. Nella bozza si prevedeva un numero di 100, 150 detenuti. Il personale interno, molto professionale e particolarmente motivato, sopperisce alle carenze strutturali, anche grazie ad un legame costante con il territorio per la risoluzione di particolari situazioni di singole persone detenute. Lo stesso personale evidenzia il bisogno di formazione su tematiche importanti, quali l’immigrazione. Si sono registrate lamentele da parte dei detenuti per la rara presenza del UEPE.
  • Operazione “La Maria a Citanò”
    Sequestrati 35 chili di droga

    3 - Ott 12, 2011 - 22:12 Vai al commento »
    x y : OSPITALITA' di quale ospitalità stai parlando? che non sai neanche cosa significa. vai a dirglo a chi ha lavorato per ore intere sotto il sole e sotto il fredo e quando arrivava il momento di pagarlo non lo pagavani, lavorare 12 ore e venir dichiarato come 4 ore e se fortunato pagato dopo mesi di lavoro. ahh si questa è ospitalità,,, o quella dei cosidetti industriali artigiani che sfruttano i propri dipendenti stranieri constringendoli a firmare una lettera di licenziamento ancor prima di fargli firmare un contratto di lavoro, o ne vogliamo parlere di quelli altri che aprono e chiudono attività pur di fregare i soldi allo stato. dove stano questi carabinieri? queste forze dell'ordine? questo stato DOVE STA? AHHH GIA' E' IMPEGNATO A OCCUPARSI DEI TOPI IN UNA NAVE CHE STA AFFONDANDO. se oggi c'è un trafico di droga e perchè loro lo hanno voluto e come caprio espiatorio chi meglio se non gli stranieri. FINCHE CI SARANNO DEI DEFFICENTI CHE LA VOGLIONO COMPRARE LE DROGHE CI SARENNO SEMPRE. E' UN MERCATO : LA MERCE VA FUORI PRODUZIONE SE NON C'E' LA DOMANDA. FINO A QUANDO CI SARANNO QUELLI CHE COME TE SI RIEMPIONON LA BOCCA DI MORALISMO A 1 CENTESSIMO CON LA CANNA IN MANNO MENTRE SCRIVE, LE DROGHE CI SARANNO SEMPRE.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy