Nuovi disordini all’Hotel House
Tafferugli sedati dai carabinieri

Continua la vigilanza fissa dei militari. Alcuni condomini hanno affrontato dei magrebini impegnati nell'attività di spaccio
- caricamento letture
hotel-house-elicottero

L'elicottero dei carabinieri sorvola l'Hotel House durante il blitz del 15 settembre

Decima notte di tensione all’Hotel House di Porto Recanati dove sono ormai gli stessi residenti  a manifestare il loro dissenso verso l’attività di spaccio di  sostanze stupefacenti che avviene nelle immediate vicinanze del palazzone. Nonostante la vigilanza fissa a cura della Compagnia Carabinieri di Civitanova, la cui presenza sta sedando sul nascere ogni tafferuglio, nella tarda serata di ieri,  alcuni condomini hanno affrontato  dei magrebini, fra cui una donna, che avevano intenzione di spacciare sostanze stupefacenti. Secondo i carabinieri,  in particolare un uomo del Magreb lamentava che non si poteva andare avanti così. La sua dichiarazione vuol dire, secondo i carabinieri, che questo muro contro muro fra residenti non gli permetteva  di  spacciare. Da qui sono sorti  i dissidi con quei residenti che, da oltre una settimana, protestano contro la droga e le cui azioni sono  culminate in continui episodi di violenza, sinora mai degenerati in lesioni oltre i trenta giorni. E’ l’ennesimo episodio: capita sempre più spesso che  gruppi di stranieri  si riuniscono  nel piazzale, non appena si fa buio, e questo è per le forze dell’ordine il segnale di una tensione che sta lievitando. I Carabinieri di Porto Recanati, i quali oramai conoscono le logiche che regnano fra i circa 3.000 condomini del grattacielo multietnico, alla prime avvisaglie di tensione accorrono supportati dai colleghi del radiomobile della compagnia di Civitanova. Grazie alla loro tempestività, lo scontro è stato placato.  Parlare coi residenti è utile per gli uomini dell’arma per capire cosa muove ogni nuova protesta. Anche stanotte, dunque, gli animi non sono del tutto sopiti all’House.

operazione_hotel_house_11-225x300I residenti continuano a vedere i Carabinieri come punto di riferimento e, nonostante ci sia turbolenza negli animi, quando vedono arrivare le pattuglie che instancabilmente stanno presidiando nelle ore calde il condominio per scongiurare episodi di violenza, fanno outing e sfogano le loro idee.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X