Maceratese, Di Fabio vuole gente tosta

SOMMA ALGEBRICA
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

somma-algebrica di Enrico Maria Scattolini

 

POLITICA/CENTRO SPORTIVO DI COLLEVARIO (-) Se non altro per una questione di coerenza,non è forse il caso che i consiglieri dell’opposizione(Pantana e Guzzini) si mettano d’accordo sulla valutazione di quest’impianto?

AMMINISTRAZIONE PUBBLICA/SPORT (+) La recente nomina del professor Fabio Macedoni (+) a Capo di gabinetto del presidente della Provincia di Macerata è la dimostrazione di come può anche capitare che lo sport dia  una mano all’Amministrazione pubblica. Fabio Macedoni è stimato docente di lingua francese presso il locale Liceo scientifico, ma è conosciuto, negli  ambienti sportivi cittadini,per il suo passato di dirigente della Lube e di direttore generale della Maceratese. Per la verità, è  anche un brillante autore di commedie in vernacolo di successo.Ma questo è un altro discorso. Sinceri auguri di buon lavoro. E chissà che non riesca a convincere il presidente Pettinari ad una più assidua frequentazione dell’Helvia Recina!?!

MACERATESE AL VERTICE (+) Dopo sei anni (spettacolare stagione di Eccellenza del presidente Malavolta e dell’allenatore Nocera), il successo sul Grottammare ha proiettato la squadra biancorossa in testa alla classifica. Ovviamente i giochi sono ancora tutti da fare, però la soddisfazione della Presidentessa Tardella e del la tifoseria è giustamente alle stelle.Non tanto e non solo per il risultato tecnico,ma anche per aver messo alle spalle un passato prossimo,che mi auguro diventi… remoto,amaro e perfino drammatico(chi non rammenta il delicatissimo play-out dello scorso campionato con il Real Metauro?). Il compito della dirigenza biancorossa è ora di gestire al meglio questa situazione, per completare le strutture della società,consolidare il rapporto con il pubblico che sta ritornando allo stadio e magari dare alla squadra quel che le manca ancora per il perfezionamento dei suoi equilibri. L’errore sarebbe ubriacarsi di esaltazione.Non dimentichiamo che la Maceratese è allocata in un torneo dilettantistico; il suo blasone merita ben altro.

PACI E MOSCA (+) In quest’ora di sommo gaudio, penso che meritino un ringraziamento anche i due ex esponenti biancorossi. La mia valutazione è positiva, ma capisco che possano circolare giudizi diversi. Io  mi permetto di ricordare che il loro intervento finanziario , nella bufera del fallimento della Maceratese di Ulissi, servì ad evitare il baratro di una categoria ancora più modesta dell’Eccellenza, come invece capitò,in precedenza, alla Civitanovese ed alla Fermana, la quale, reduce dal professionismo, riuscì addirittura nella titanica impresa di buscarle sul campo del Montefano. Il successivo forfait di Maurizio Mosca ed i due tribolati campionati di Massimo Paci non sono state certamente pagine brillanti del  calcio nostrano. Però resta il fatto che,senza di loro, il medesimo avrebbe subito ulteriori sconquassi.

DI FABIO/1  (+) Per la chiarezza delle sue idee tattiche, anche se non tutte condivisibili. Lui conosce la “sindrome dell’Helvia Recina”, dove il mancato controllo del centrocampo comporta spesso grossi problemi. Ne sa qualcosa Pierantoni che l’anno scorso, per salvarsi, ha fatto sovente ricorso al più… umano Campo dei Pini. Ciononostante il mister ha scelto un coraggioso 4-2-4, con l’asse mediano attualmente affidato a Bucci e Carbonari, più due esterni larghi. Ammette:”So bene che questo significa concedere la superiorità numerica agli avversari e magari soffrire in quella zona. Però- sottolinea subito- questo modulo ci permette di sfruttare la nostra superiorità tecnica in attacco e la nostra velocità. Credo che i vantaggi siano maggiori dei rischi.” Lui ha la responsabilità  della squadra ed è quindi giusto che la faccia giocare come vuole. Un solo interrogativo: quando Grcic sarà utilizzabile (forse fin dalla trasferta di Senigallia), cambierà qualcosa lì al centro?

DI FABIO/2 (+) Per la sua determinazione. Gli chiedo: “ha sostituito Piergallini(metà del primo tempo) per problemi fisici?”. Risposta secca: “No,perché l’ho visto sottotono. La Maceratese, contro il Grottammare, aveva bisogno di gente tosta”. Piergallini non ha visibilmente gradito, ma da Romanski,schierato al suo posto, è partito l’assist per il gol vincente di Russo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X