Parte la Maceratese di Cicchi
Ma c’è l’incognita del budget

Fontana (se come sembra sarà Eccellenza) o Favi (Promozione) per la panchina. Mannocchi, Bucci e Giandomenico i primi nomi sul taccuino del ds
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il-nuovo-responsabile-dellarea-tecnica-Claudio-Cicchi1-300x225

Claudio Cicchi

di Enrico Maria Scattolini

Dunque, Maria Francesca Tardella sarà la presidentessa della Maceratese stagione 2011/12;  Claudio Cicchi il Responsabile dell’area tecnica; Gaetano Fontana o Fabio Favi il nuovo allenatore.

Probabilmente la società biancorossa giocherà in Eccellenza grazie alla Vis Pesaro che, superando il Massa Lombarda, è entrata nel gruppo delle quattordici squadre finaliste dei play-off nazionali che si contenderanno, in scontri diretti, i sette posti a disposizione per la  serie D.

Di fatto i pesaresi potrebbero già considerarsi promossi: a) perché, negli ultimi anni, alla Civitanovese ed alla Jesina sono state sufficienti le semifinali per il salto di categoria; b)perché la Vis ha indubbiamente il pedigree più prestigioso del lotto delle partecipanti e quindi tale da meritarle, in ogni caso, il ripescaggio; ed infine c), fattore esogeno, il terremoto dello scandalo scommesse potrebbe schiudere scenari imprevedibili.

Tutto in linea, quindi, secondo le previsioni. Tutto, compreso anche il ridimensionamento voluto da Massimo Paci, che ha deciso di uscire da presidente e di  restare come semplice socio. A mio avviso la scelta dell’ormai ex presidente, seppur attesa, rischia di essere sottovalutata nei riflessi che avrà sulle risorse economico/finanziarie della Maceratese nel prossimo campionato.

MANNOCCHI-EMANUELE-web

Emanuele Mannocchi

Farò un po’ di conti, sicuro di non essere lontano dalla realtà. Il budget biancorosso 2010/2011 è stato di circa 450.000 euro. Che sia stato speso male, è un fatto; ma è altrettanto certo che qualcuno ha messo mano generosamente alla borsa. Al di là del lodevole  impegno della Tardella e di Sirolesi, Paci ha assicurato, direttamente e indirettamente, un terzo circa di questi quattrini. Da consigliere e non da dirigente, è presumibile che il suo apporto si riduca considerevolmente. Ipotizzo di circa due terzi. Alla conta potrebbero quindi mancare diverse decine di migliaia di euro, difficilmente compensate in toto dal più cospicuo intervento della Tardella e di Sirolesi.

La speranza di un ingresso in Consiglio di altri imprenditori è utopica, così come il successo dell’azionariato popolare: percorso complesso che comunque la nuova presidentessa giustamente intende realizzare, intanto con la definizione di tutti gli aspetti legali.

Una (parziale) soluzione potrebbe essere il rafforzamento di quel gruppo di professionisti, chiamiamolo “terzo polo”, che si è compattato intorno a Paci nei suoi due anni di presidenza. Un modesto, ulteriore sacrificio individuale, oltre naturalmente al rinnovo della propria  presenza, potrebbe dare preziosa liquidità alla società, attraverso anche l’espressione (auspicabile) di un   esponente nella dirigenza. Di qui la mia definizione di “terzo polo”.

Mi risulta che la dottoressa Tardella stia operando in tal senso. In ogni caso, le disponibilità biancorosse subiranno una consistente decurtazione. Ma questo è lo scotto da pagare per il passo indietro del dottor Paci. Che sicuramente avrà fatto piacere a tanti tifosi.

Sarà quindi necessario tagliare i costi, impresa non facile se, ad esempio, già si profilano in aumento, rispetto all’anno scorso, quelli per lo staff tecnico, complessivamente non inferiori a 50.000 euro.

GIANDOMENICO-LUIGI-web

Luigi Giandomenico

La scelta di un uomo esperto di calcio come Cicchi, anche per la tempestività con cui è stata fatta, potrebbe essere un buon inizio se il ruolo di Responsabile dell’area tecnica verrà assolto nella pienezza delle funzioni di pianificazione e di organizzazione  di tutti i settori di riferimento della società. Compiti che il dottor Cicchi sarà sicuramente in grado di affrontare con la professionalità, competenza ed esperienza che costituiscono, da sempre, peculiarità del suo DNA.

Diversamente, a mio parere, sarebbe stato preferibile affidarsi fin da subito ad un allenatore carismatico (penso a Jaconi dello scorso anno, inutilmente contattato da Paci; o a Mobili, che pilotò la Recanatese dalla Promozione alla serie D, probabilmente in uscita da Tolentino) su cui impostare un programma d’ampio respiro.

p.s. In questo contesto, ho molto apprezzato, andando sicuramente contro corrente, le prudenti dichiarazioni di Cicchi (che cercherà di portarsi dietro dall’Elpidiense il trequartista Giandomenico), il difensore Mannocchi e il centrocampista ex biancorosso Bucci) dell’altro ieri: ”il nostro campionato dovrà essere decoroso”. Poi magari capita che lo si vinca!

 

BUCCI-MARCO-web

Marco Bucci



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X