La Settempeda cade a Castelraimondo
Pievebovigliana con un piede in Terza

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
settempeda1-300x169

La formazione della Settempeda

di Federico Bettucci

Sono iniziati sabato i playoff ed i playout del campionato di Seconda categoria. Partendo dalle sfide promozione, quelle che si protrarranno per più tempo, in un girone impattano tra loro Appignanese e Casette Verdini, mentre nell’altro Giovani Tolentino e Folgore Castelraimondo (soprattutto quest’ultima) sfruttano nel modo migliore il match d’andata casalingo. Ad Appignano finisce con un vivace 2-2 che mette gli ospiti nella condizione di poter usufruire di due risultati su tre al ritorno, sabato prossimo. Bambozzi dopo soli dieci minuti fa capire subito che l’Appignanese non scherza e vuole la finale, portando in vantaggio il team di Giovagnetti. La reazione della seconda forza del campionato è veemente, di quelle da grande squadra, tant’è che Di Gioia ribalta il punteggio con una doppietta, nel giro di un quarto d’ora prima del duplice fischio dell’arbitro. A metà ripresa Fammilume trova il pareggio della speranza. Nelle semifinali del girone F la Folgore Castelraimondo disputa 90 minuti impeccabili infliggendo una severa lezione alla Settempeda, che di colpo rischia di veder sfumare tutte le sue ambizioni di gloria. Il 2-0 in favore dei ragazzi Ortolani è pesante. Pesantissimo. I settempedani avranno bisogno della prestazione perfetta nel return match, nel quale dovranno almeno replicare il punteggio all’inglese incassato fuori casa se vorranno raggiungere lo step successivo. A cinque minuti dal termine del primo tempo Biordi realizza dal dischetto (rigore procurato da Lezzerini), a venti dalla fine dell’incontro raddoppia il solito Taini. I Giovani Tolentino battono il Serralta per 2-1. Sul finire dei primi 45 minuti botta e risposta tra Montecchi (di tacco) e Valerio Gigli (sugli sviluppi di una rimessa laterale scagliata in area di rigore); ad inizio ripresa decide una perla di Botta. Tanta, tantissima incertezza in vista del ritorno di domenica a San Severino. Spazio ai playout. L’Aries Trodica passa un brutto pomeriggio contro il Real Porto: contro la penultima della stagione regolare va sotto 2-0 e solo un guizzo di Torresi, che accorcia le distanze sul 2-1, tiene vive le speranze. A Trodica bisognerà vincere per rimanere in categoria. Situazione simile per l’Acm Sambucheto nell’altra gara del girone E. Dopo il pareggio interno per 1-1 con il Csi Recanati (che nella ripresa colpisce anche due legni), servirà un exploit d’altri tempi. Le reti portano la firma di Bovetti per i leopardiani e di Damiani per i locali. Il Pievebovigliana invece è la formazione messa peggio. Disperata, per usare un eufemismo. Lo sfortunatissimo 0-2 interno con la Nuova Dimensione taglierebbe le gambe a chiunque. Le recriminazioni non mancano: rigore gettato alle ortiche da Accaramboni e due pali di Vrioni. Non rimane che andare a Montegranaro e vincere con tre reti di scarto fuori casa. Mission impossible. Non sembrerebbe una partita di un playout di Seconda categoria Palombese-Elfa, e non inganni lo 0-0 conclusivo. Ospiti vivissimi e concentrati malgrado il depresso finale di stagione, locali che vogliono vincere per non tornare subito in Terza categoria. Risultato? Tre nitide palle gol per i tolentinati a tu per tu con il portiere di casa, un paio di punizioni dello specialista Mattoni che fanno gridare al gol e pochi tatticismi. Si deciderà tutto al ritorno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X