“La manifestazione delle donne
è una strumentalizzazione
della dignità femminile”

Deborah Pantana (Pdl) ha promosso un'iniziativa contro la mobilitazione
- caricamento letture

TAVOLOCM

di Lucia Paciaroni

“Non crediamo che la dignità vada difesa sfilando in piazza, ma è necessario discutere nei luoghi istituzionali”. A dirlo è Deborah Pantana, consigliere comunale del Pdl, che oggi, all’hotel Claudiani, ha promosso un’iniziativa per parlare di donne e della mobilitazione nazionale che si terrà domani.

E’ intervenuta telefonicamente Olimpia Tarzia, consigliere regionale del Lazio, che ha raccontato l’episodio in cui è stata costretta ad abbandonare un convegno sulla riforma dei consultori per le proteste di alcuni contestatori, poi a parlare è stata Margherita Mencoboni, capogruppo Pdl di San Costanzo (PU), che ha definito “una strumentalizzazione della dignità femminile” la manifestazione. Concetto ribadito dalla senatrice Cinzia Bonfrisco.

carelliCM

“Siamo qui per far valere i nostri diritti e doveri, in particolare nell’ambito delle violenze – ha detto Anna Carelli, presidente della commissione provinciale Pari Opportunità – Dobbiamo combattere insieme, non le une contro le altre. Vogliamo tutelare le necessità di tante donne e invito tutte a proteggere i diritti di ognuna di noi”.
“Abbiamo l’esigenza di far vedere che esistiamo e siamo vicine alle donne che tutti i giorni portano avanti la famiglia, la casa e il lavoro, alle donne che subiscono violenze – ha sottolineato la Pantana – E siamo vicine a quelle donne che domani non parteciperanno alla manifestazione come noi”.

donne_pdl_4-285x300
E’ stata l’occasione per ricordare un ordine del giorno della Pantana: “Abbiamo invitato l’amministrazione comunale ad aderire alla campagna “Salviamo Asia Bibi”, condannata a morte perché cristiana, così come è stato fatto per Sakineh. E’ stata condannata a morte per blasfemia in Pakistan. Per lei nessuno ha fatto niente, nessuno ha sollevato la questione. Anche nella nostra città ci sono situazioni particolari, di violenze in famiglia e sulle quali c’è un silenzio che non riusciamo a rompere”.
E di violenza si occupa Ivana Marchegiani, che fa parte del Forum anti violenza della Regione Marche: “Noi donne di destra ci dobbiamo contraddistinguere non andando in piazza, ma agendo concretamente”.
“Nella commissione ho portato la mia idea che le donne possono e devono esprimersi su tutti gli argomenti – ha affermato Angela Birrozzi, vice presidente della commissione provinciale Pari Opportunità – Non condanno chi va in piazza, ma ci svegliamo solo perché abbiamo visto quattro escort, quando la perdita dei valori, dell’identità e della cultura la viviamo da decenni. E’ riduttivo pensare che con una manifestazione possiamo fare qualcosa”.

ROMBINI_ACQUAROLI_CARELLI

Tra gli interventi anche quello di Anna Rombini, segretaria provinciale de La Destra, Anna Corignali, consigliera di parità della Provincia di Macerata, Antonella Ricotta della Lega Nord e del consigliere regionale Francesco Acquaroli che ha definito la manifestazione “da condannare perché strumentalizza la donna per fini politici”. Al termine dell’incontro ha preso la parola Franco Capponi: “Quello di domani è un evento svilente per una donna, la sinistra è alla frutta e queste cose buttate in campo denunciano la loro incapacità di proporre cose serie”.

donne_pdl_3-300x200

donne_pdl_2-300x207 donne_pdl_1-300x200



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X