Gli studenti occupano Filosofia
“Ricostruiamo l’Università”

PROTESTE CONTRO IL DDL GELMINI - Promosse lezioni alternative
- caricamento letture
occupazione-filosofia

Lo striscione esposto in Via Garibaldi

 

di Alessandra Pierini
L’aula A di filosofia e l’atrio della stessa facoltà sono stati occupati ieri sera dagli studenti. E’ questa la prima occupazione maceratese nel contesto delle proteste contro i tagli previsti dal Ddl Gelmini.
La scelta di occupare non parte dai gruppi studenteschi ma direttamente dagli studenti e in particolare dagli studenti di Filosofia, per i quali i tagli, come per tutte le facoltà umanistiche, sono particolarmente crudeli.
«E’ un’iniziativa spontanea – spiega Stefano Casulli, studente della facoltà di Filosofia – che supera e radicalizza le sterili forme di protesta messe in atto sinora dalle associazioni universitarie. Questa vuole essere una protesta più forte per far pressione sugli organi universitari quali senato accademico e rettore e politici. Non c’è stato un percorso prima, siamo partiti con questo blitz per poi coinvolgere gli studenti.»
L’occupazione non ha bloccato la didattica né l’attività di ricerca e, parallelamente all’ordinaria attività, sono state organizzate lezioni, tenute da professori dell’ateneo tra i quali Filippo Mignini e Vincenzo Lavenia. Nell’aula autogestita sono state anche proiettate trasmissioni e si sono svolti numerosi incontri, nell’atrio è stata anche allestita una mostra.

occupazione-filosofia1-300x225

«Ci siamo organizzati in poco tempo – racconta Nadia di Nicola – quando abbiamo capito che era il momento di smettere con discussioni inconcludenti. Abbiamo deciso che era il momento di autorappresentarsi. Vogliamo far capire che gli studenti ci sono e che Macerata è viva. E’ il nostro un gruppo che non si pone politicamente ma socialmente per attivare la corrente sociale». Gli studenti rivendicano anche un’ aula autogestita in ogni Facoltà al fine di promuovere attività extra didattiche che permettano il confronto e il dialogo e iniziative che diano spazio alle esigenze degli studenti, il prolungamento dell’orario d’apertura di almeno una biblioteca fino alle ore 23.00, facendo in modo che venga autogestita dagli studenti senza oneri per l’Università e di rimodulare il finanziamento per le attività culturali degli studenti, al fine di favorire forme di ricerca alternative.
Gli studenti chiedono al Senato Accademico di intervenire presso le sedi competenti al fine di non adottare i provvedimenti previsti dal DDL 1905\2010 e di portare avanti le istanze degli studenti. L’ingresso della facolta di Filosofia è stata fasciata di striscioni e programmi dell’assemblea e soprattutto campeggia la scritta rossa su un lenzuolo bianco “Loro la demoliscono noi la ricostruiamo.”

occupazione-filosofia2-225x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X