Minuto di silenzio per gli alpini
La Ciarlantini (Verdi) esce dall’aula

MACERATA - Per protestare contro la guerra in Afghanistan
- caricamento letture
Gabriella-Ciarlantini

Gabriella Ciarlantini

E’ quasi consuetudine che il consiglio comunale si aprà con la commemorazione di persone scomparse, da personaggi che si sono distinti per il bene della città a ex dipendenti comunali, da ex consiglieri a persone note per aver compiuto gesti degni di essere ricordati. Lo stesso vale per i lutti nazionali che in quanto tali coinvolgono anche il nostro Comune. Ieri il Presidente Romano Mari ha invitato i consiglieri ad osservare un minuto di silenzio per ricordare i 4 alpini morti in Afghanistan e Gabriella Ciarlantini (Verdi per Macerata) è uscita dall’aula per poi spiegare il suo gesto in una nota da lei scritta
“Non partecipo al minuto di silenzio per la morte dei quattro militari italiani in Afghanistan. Gli italiani non erano abituati ad avere morti in guerra dopo che il fascismo aveva inviato molti dei nostri parenti ed amici nelle avventure mostruose della seconda Guerra Mondiale. Non avevamo certo bisogno che un regime democratico, sconvolgendo gli stessi termini della Costituzione italiana mandasse delle persone, dei disgraziati a morire in una guerra di cui la maggioranza degli italiani non capisce le ragioni e alla quale è contraria. Non ho certo deciso e non voglio rendermi complice di questa guerra a cui io ( e molti cittadini maceratesi) sono contraria e contro cui mi batto e sempre mi batterò. Una guerra che viola la nostra Costituzione nei suoi articoli fondamentali e che in nove anni ha prodotto solo morte e distruzione. La stanca e vuota ritualità delle commemorazioni istituzionali non allevia il dolore dei familiari dei 4 soldati caduti, nè il dolore per le migliaia di afghani uccisi dall’inizio della guerra. Non allevia il dolore nemmeno la vergognosa mistificazione della missione umanitaria dietro cui il governo si copre: quella  condotta in Afghanistan è una guerra di occupazione, una guerra che le forze Nato stanno perdendo, come dichiarato da fonti autorevoli dello stesso esercito statunitense. Noi che ci battiamo per la fine della guerra e per il ritiro delle truppe in Afghanistan, siamo dalla parte di tutte le vittime, contro tutti i governi e gli eserciti occupanti. Noi siamo dalla parte di chi come Emergency, con un mese di spese militari ha costruito tre centri chirurgici, un centro di maternità, 28 pronto soccorsi e ha curato oltre due milioni e mezzo di afghani. Non un minuto per lo ‘spettacolo del cordoglio’ (come lo ha definito uno fra i parenti delle vittime) delle autorità. Non un minuto di più per l’immediato ritiro dell’esercito italiano e di tutte le forze d’occupazione dall’Afghanistan”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X