Miracolo Avis Macerata
Sarà serie A anche nel 2011

Nelle finali di Comacchio i maceratesi si confermano nel gotha dell'atletica nazionale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Faloci-e-Carlini

I due atleti atleti dell'Atletica Avis Macerata Giovanni Faloci e Marco Carlini

Sarà in serie A “Argento” anche nel 2011 la squadra assoluta maschile dell’Atletica Avis Macerata che, nella finale nazionale del campionato italiano assoluto su pista, svoltasi a Comacchio, si conferma nel gotha dell’atletica italiana. La manifestazione ha visto i ragazzi bianco-rossi tenere la posizione ottenendo, in un contesto di sport professionistico, un importantissimo 8° posto assoluto, in un anno difficile che ha visto assenze importanti ed infortuni a ripetizione. Dopo aver vinto il campionato marchigiano, confermarsi per la finale nazionale A “Argento” anche per il prossimo anno è stata una grande soddisfazione per la squadra di Arnaldo Porro, perché si tratta di un traguardo mai raggiunto da società marchigiane al maschile, ed è la quarta volta (tre consecutive). Un vero miracolo che si ripete per un club che ha fatto dell’attività giovanile il suo credo, e che trova nel vivaio il suo serbatoio. Ma andiamo al dettaglio. Come tradizione è il gruppo velocità-ostacoli che lancia la manifestazione. I protagonisti del settore sono stati uno strepitoso Alessandro Berdini che con due vittorie ha portato un contributo fondamentale alla classifica correndo i 100 in 10”75 e i 200 m. in 21”68 e ottimo anche Lorenzo Angelini che nei  200 metri si è superato arrivando al personale di 21”94. Buone prove di Filippo Reina nei 400 (50”02) e Carlo Nardi (52”21”) e nelle staffette dove l’Avis ha agguantato un determinante 2° posto nella 4 x 100 con Nardi-Vescovi-Reina e Angelini in un pregevole 42”29 e un prezioso 5° posto in  4 x 400 con Nardi, Berdini, Dari, Reina in 3’23”65.

Berdini_Alessandro

Alessandro Berdini, uno degli uomini di punta dell'Avis Macerata

Nei m. 110 ostacoli la coppia Matteo Gattari –  Marco Piampiani ha tenuto le posizioni con 16”09 per il primo e 16”52 per il secondo, con Piampiani valido anche nei 400 ostacoli corsi in 57”80. Nel mezzofondo, buona la prova del bravo siepista Matteo Olivi, vicino al personale in 9’29”05 mentre nelle altre specialità gli atleti schierati: Andrea Grelloni negli 800 (2’02”76), Francesco Viti nei 1500 e 5000 (4’15”29-16’01”44), Jacopo Silenzi nei 1500 (4’24”22) e lo stesso Olivi nei 5000 (15’59”66) hanno dovuto confrontarsi in un contesto particolarmente qualificato per la presenza di tanti kenioti ed etiopi a rinforzare le altre squadre. Nei salti, importante prestazione di Marco Vescovi: triplo in m. 14.32, che ha ottenuto anche m. 6.43 nel lungo con Leonardo Ottaviani a m. 6.29 e Emanuele Fraticelli a coprire l’alto con m. 1.80,  mentre sempre Ottaviani nell’asta, dopo un’estate difficile, è riuscito a portarsi su misure di pregio saltando m. 4.30. I lanci: su tutti Giovanni Faloci, una colonna della squadra, vincitore della gara del lancio del disco con m. 55.90 e terzo nel peso con 15.57 e Marco Carlini con un preziosissimo secondo posto sia nel peso con m. 15.75, dietro al titolatissimo Paolo Dal Soglio. Nel martello fondamentale la prestazione del neo avisino Luca Vitagliano che, dopo importanti trascorsi, ha saputo inventarsi una seconda giovinezza lanciando a m. 48.67 con Lucio Piermarini a m 42.42. Nel giavellotto, assente Francesco Canullo per matrimonio, Luca Giorgini,  dolorante ad una spalla, ha lanciato a m. 40.09. Si è ben difeso infine nella marcia Michele Antonelli (allievo) che nella 10 km. si è espresso in 49’56”23. Sono andate bene anche le anche le ragazze che, dopo aver superato brillantemente la Fase Regionale, si sono battute nella Finale A1 di Orvieto svoltasi nella stessa data. L’8° posto finale per le bianco-rosse lascia qualche rimpianto, ma la possibilità di disputare la finale A1 il prossimo anno, partendo dalla fase regionale, è sempre aperta, come è già successo negli ultimi due anni. Le assenze per infortunio di Chiara Bonifazi, Elisa Coltrinari, Cristina Parini, Morgana Evangelisti, Beatrice Alfinito e qualche fisiologica controprestazione non consentivano di fare di più.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X