Fa prostituire la moglie
Altro caso scoperto a Civitanova

Un poliziotto si è finto cliente ed è stato accolto in una lussuosa villetta.
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

prostituta_gambe

di Matteo Zallocco

Sembra essere diventata una triste moda: il marito che fa prostituire la moglie. Dopo l’episodio dello scorso 6 settembre ne è stato scoperto un altro, sempre a Civitanova.

In seguito alle indagini della squadra Mobile della Questura di Macerata,  nella mattinata di oggi è stata inoltrata alla Procura della repubblica del Tribunale di Macerata, un altro rapporto a carico di un cittadino italiano che faceva prostituire la propria consorte.

Nel primo pomeriggio di sabato gli agenti hanno accertato che una bionda e provocante ragazza italiana, in arte Laura, si procurava i clienti mediante annunci su opuscoli specializzati, pubblicizzando la propria immagine in inequivocabile atteggiamento ed abbigliamento, abbinandovi un numero di cellulare.

La “Laura”, contattata telefonicamente da un agente che si fingeva cliente, ha riferito le indicazioni per raggiungere l’abitazione e lo ha ricevuto a casa, in una elegantissma villetta a schiera unifamiliare in via Martiri delle Foibe, nei pressi dello stadio di Civitanova.

Dopo avergli chiesto 50 e 100 euro in base al tipo di prestazione, la donna ha invitato il poliziotto-cliente ad accomodarsi in camera da letto.

A tal punto, il poliziotto si è qualificato e ha informato la donna che si sarebbe proceduto ad un controllo di Polizia. Appreso ciò, la donna, allo scopo di dare una sorta di allarme,ha iniziato a strillare: “E’ un controllo di Polizia…”. Contemporaneamente il poliziottoha sentito un trambusto provenire dal piano inferiore della villetta, seguito dallo sbattere di una porta in metallo.

Nel frattempo, altri due poliziotti, che stazionavano all’esterno della villetta, in attesa di intervenire in auto al collega, hanno notato un giovane uscire frettolosamente dal retro della palazzina, dalla zona dei garage, per poi allontanarsi velocemente verso la zona dello stadio.

La donna successivamente scopertaha riferito agli agenti di Polizia che l’uomo scappato era il marito per poi chiamarlo telefonicamente invitandolo a ritornare a casa. Trascorsi due o tre minuti, il giovane è tornato nell’abitazione.

Nel corso della perquisizione, all’interno della camera da letto, quella utilizzata per  i rapporti sessuali con i clienti, è stata rinvenuta ogni sorta di accessorio attinente a tale attività: falli in gomma di ogni genere, forma e misura, fruste, manette, catene ed altro ancora, mentre la villetta, che era stata adibita a vera e propria casa di tolleranza, aveva accessori di arredo di pregiata qualità.

Nel corso della stessa operazione è stata rinvenuta una carta di credito, non intestata ai coniugi , occultata insieme alla somma di 2.300.00o euro guadagnata nella giornata, all’interno di una cassetta custodita al piano inferiore dell’abitazione dove stazionava il marito della donna mentre quest’ultima si intratteva con i clienti.

La “Laura” (26 anni) e il marito(29 anni) sono entrambi nati a Teramo e residenti a Civitanova.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X