Borgiani lascia il Pdci
La Federazione di Sinistra
ha un consigliere comunale

Ieri sera l'incontro regionale
- caricamento letture
borgiani-luciano

Luciano Borgiani

di Alessandra Pierini

Luciano Borgiani lascia il Pdci, aderisce alla Federazione di Sinistra e riconosce Pantanetti come assessore di riferimento. I malumori all’interno del Pdci erano percepibili ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la questione delle nomine delle presidenze delle commissioni consiliari: “E’ stato  uno sgarbo da parte del capogruppo  Lattanzi – ci dice Borgiani – decidere di togliermi la presidenza della Commissione Bilancio della quale facevo parte da anni. Sarebbe stato un bel riconoscimento politico per me, invece hanno fatto un’altra scelta.” A questo si aggiunge una differente visione delle questioni politiche: “Credo che ormai, a bocce ferme, la questione politica dell’Assessore Pantanetti che non ha presentato la sua nomina ad entrambi i partiti componenti la Federazione e nel quale il Pdci non si riconosce  non può protrarsi. Non c’è la volontà da parte del Sindaco di assegnarci un assessore ma c’è comunque una certa apertura a capire le nostre esigenze di fronte alla quale il Pdci si è chiuso a riccio scegliendo di dare appoggio solo esterno alla Giunta. Presto saranno in gioco ruoli importanti nelle partecipate e rischiamo di restare esclusi anche lì.”
Borgiani non si è ritrovato nelle linee scelte dai suoi compagni di partito e ha preferito pertanto distaccarsi, in attesa che si concretizzi, come fa sperare anche l’incontro regionale che si è svolto ieri sera in Ancona, il progetto della Federazione di Sinistra: “Sarà un periodo difficilissimo per l’acqua e per i rifiuti. Se resteremo fuori saremo praticamente all’opposizione. Stando fuori faremo la parte di quelli che non vogliono lottare. Io ho lottato durante la campagna elettorale per arrivare in maggioranza e voglio rispettare coloro che mi hanno votato.”

All’incontro regionale hanno preso parte Pantanetti, Savelli e Tombolini tra gli ex Rifondazione, Proietti, Pieroni e Procaccini per i Comunisti. “E’ stato un incontro interlecutorio – spiega l’assessore Luciano Pantanetti -, bisognerà effettuare una serie di passaggi. Condivido la richiesta di avere maggiore visibilità, con il 7,3% la Federazione della Sinistra è il secondo partito e merita una maggiore visibilità rispetto ad altri, anche se non condivido le modalità con cui si sono fatti avanti i Comunisti. Fortunatamente oggi abbiamo un consigliere comunale della Federazione dopo la decisione di Borgiani di cui non eravamo a corrente nella riunione di ieri sera. Può essere un passaggio molto importante per ricomporre questa situazione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X