Attacco Times Square
Arrestato: ho agito da solo

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

attacco-times-square

(ANSA) NEW YORK  – Faisal Shahzad, l’uomo arrestato per l’autobomba di Times Square, avrebbe detto agli investigatori che ha agito da solo. Lo riferiscono fonti dell’inchiesta.

ATTESA DICHIARAZIONE OBAMA – Il presidente statunitense Barack Obama farà una dichiarazione sull’arresto di Faisal Shahzad, l’uomo sospettato dell’auto-bomba di Times Square. Lo ha detto il portavoce della Casa Bianca Robert Gibbs. Obama è stato avvertito dell’arresto pochi minuti dopo mezzanotte dal capo dell’antiterrorismo John Brennan.

ARRESTATO UN SOSPETTATO – A soli tre giorni dal fallito attentato di Times Square è arrivato oggi il primo arresto: Shahzad Faisal, 30 anni, di origine pachistana, diventato cittadino americano un anno fa e residente a Bridgeport, in Connecticut. L’uomo è stato arrestato all’aeroporto Jfk di New York mentre si trovava a bordo di un aereo diretto a Dubai, con destinazione finale Pakistan dove avrebbe di recente trascorso parecchi mesi, in particolare a Peshawar, nel nord ovest del Paese vicino al confine con l’Afghanistan.

Faisal è sospettato di aver acquistato tre settimane fa sul sito Craiglist al prezzo di 1.330 euro, pagati in contanti, la Nissan Pathfinder imbottita di propano e fuochi d’artificio e di averla guidata fino alla piazza nel cuore di Manhattan. Diventato cittadino americano il 17 aprile del 2009, è stato identificato grazie ad una foto che si trovava sui documenti da lui presentati per un recente cambio di residenza.

Gli inquirenti, in possesso della foto, l’hanno mostrata alla persona che ha venduto la Nissan Pathfinder a Faisal che lo ha riconosciuto. “E’ chiaro che l’intento dietro questo atto terroristico era uccidere cittadini americani”, ha detto in una conferenza stampa subito dopo l’arresto il ministro della Giustizia Eric Holder precisando comunque che “le indagini vanno avanti, le forze di polizia e di sicurezza continuano a seguire diverse piste”.

Gli investigatori stanno valutando la possibilità di legami con organizzazioni terroristiche internazionali e non escludono che possa esserci più di una persona coinvolta. L’arrestato, intanto, comparirà nelle prossime ore davanti ai giudici della corte federale di Manhattan.

Il Pakistan ha promesso di collaborare con gli Stati Uniti dopo l’arresto di oggi. Lo riferisce un funzionario del governo pachistano. “Tra il Pakistan e gli Stati Uniti è già in atto una solida cooperazione nella lotta al terrorismo. Se sarà necessario collaboreremo ancora di più con gli Usa”, ha aggiunto il funzionario di Islamabad a proposito dell’arresto di Shahzad Faisal, l’uomo sospettato di essere implicato nel fallito attentato a Times Square. L’ambasciatore americano in Pakistan, Anne Patterson, è stato ricevuto per dal ministro degli esteri pachistano, Shah Mahmood Qureshi, ha detto ancora il funzionario. Il portavoce del ministero degli esteri, Abdul Basit, ha precisato che il Pakistan sta aspettando di avere maggiori dettagli su Faisal da parte degli Stati Uniti. “Collaboreremo con gli Stati Uniti per assicurare quest’uomo alla giustizia”, ha detto il ministro dell’Interno pachistano Rehman Malik.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X