Pistarelli scende in campo
Ma con il rebus delle alleanze

Alla conferenza del candidato sindaco del Pdl irrompe Conti
- caricamento letture

pistarelli conferenza

di Mauro Montali

“Macerata nel cuore”: questo è lo spot elettorale di Fabio Pistarelli che oggi pomeriggio, finalmente, ha ufficializzato la sua candidatura, per il Pdl, a sindaco della città.
Grancasse, stato maggiore del partito, militanti semplici al bar “Da Pierino”, che è diventato il centro della vita politica maceratese. E, ospite inatteso,  Giulio Conti, che al termine farà una controconferenza stampa. Per contestare punto per punto Pistarelli. Il centrodestra non conosce pace. Non sappiamo quanto valga Conti in termini elettorali. Forse non molto, ma tanto basta per essere una spina in quel “cuore” che il candidato ufficiale  ha scelto come simbolo.
Il tema vero della conferenza stampa di Pistarelli, era quello delle alleanze. Ben al di là degli slogan, pure importanti: “una scelta condivisa”, “si apre la stagione dell’ascolto”, “un cammino che parte dalla Provincia”, “una battaglia elettorale ancora senza avversari”.
Il punto d’attacco è che “la sinistra è allo sbando” soprattutto dopo le dimissioni del vicesindaco Lorenzo Marconi, che “rappresentano la fotografia esatta” delle condizioni  attuali del centro sinistra. Condizioni  rese visibili anche dalla presa di distanza dalla giunta Meschini da parte di Maurizio Mosca e dalle “parole di fuoco” che ha avuto Vittorio Zazzaretta dopo l’apertura di Palazzo Bonaccorsi. E a riscrivere  ancora una volta il quaderno del dolore ci ha pensato poi Riccardo Sacchi, coodinatore comunale del Pdl: galleria, passeggiata, piscine, lo scippo di “Tuttoingioco”, le carenze della sanità.

pistarelli conferenza1

Insomma, Macerata, per dirla con lo stesso Pistarelli, ” è una citta sfiduciata, logorata,umiliata” che deve rinascere e riprendere “quel ruolo regionale” cui, per colpa della sinistra, ha volontariamente abdicato. Ma come fare? Con la vittoria del Pdl, ovviamente. “La nostra – ha detto il consigliere regionale del centrodestra- sarà allora una campagna sui valori e sulle tante eccellenze di questa città che sono rimaste inespresse”. Gianni Menghi, sempre lucido, ha aggiunto che “occorre un nuovo patto tra popolo e borghesia”, Silvano Iommi ha ribadito che “la città è a un bivio storico, tra decadenza e innovazione”. Ecco allora, Fabio Pistarelli “è l’uomo ideale” (Piefrancesco Castiglioni), “è il massimo dell’innovazione” (lo stesso Iommi).  Ma come si fa a ridare al centrodestra la città dopo 15 anni di governo quasi ininterrotto da parte del centrosinistra? “Occorre una campagna elettorale scientifica” ha puntualizzato Arrigo Antolini. Peccato per lui che Paul Samuelson, premio Nobel per l’economia, sia morto tre giorni fa.
Per vincere, però, ci vogliono le alleanze. Da solo il Pdl, così com’è, non ce la farebbe mai. La questione vera è rappresentata dall’Udc. Fabio Pistarelli è sicuro che “mai e poi mai” il partito di Casini andrà, a Macerata almeno, a sinistra. Sta di fatto che finora i rappresentanti locali dell’Udc non hanno ancora scelto. E la deriva più probabile è che la formazione di Pettinari e di Tacconi correrà da sola. Magari, riuscendo a comporre quel “listone” di centro di cui si favoleggiava. Per il resto, il Pdl ha incassato il consenso de “La Destra” di Storace e della lista di Sileoni e Corvatta. Con la lista Menghi sono “in corso dei contatti” così come con Ballesi.

conti-pistarelli filarmonica

Giulio Conti, che era entrato nella saletta con evidente imbarazzo da parte dei presenti, è di parere assolutamente opposto. Secondo lui “neppure La Destra con la quale ho contatti stretti alla fine starà dalla parte di Pistarelli”. Ci sembrerebbe molto strano: non più tardi di due settimane or sono, Simone Livi e Piepaolo Simonelli, in una conferenza stampa ufficialissima, hanno dichiarato che la loro casa “è quella del Pdl, qualunque sia il candidato per il Comune”. E via di questo passo. Conti ha ripetuto la solita tiritera: Pistarelli è l’uomo della sconfitta, non ha alleanze di sorta, Ancona e Civitanova si preparano a portarci via il consigliere regionale, il ministro La Russa è dalla mia parte. Ragion per cui “mi sto preparando assieme ad alcuni amici (leggi Lanciani, ndr) a presentare una mia lista”.
Lo stato dell’arte è questo.

Nelle foto di Guido Picchio: sopra, due momenti della conferenza stampa di oggi pomeriggio; sotto, Conti e Pistarelli alla cena del Pdl di ieri sera.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X