Aereo dirottato,
terrore in Messico

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

aereomessico03g

(Fonte: www.lastampa.it)

Nessun ferito ma molta paura. Il Messico fa i conti con il terrorismo, in una giornata segnata dall’allarme per un aereo dirottato subito dopo la partenza da Cancun. A bordo del Boeing 737 della Aeromexico – arrivato a Cancun proveniente dalla Bolivia – c’erano 104 passeggeri. Stando ad alcune fonti locali si ritiene che i dirottatori siano di nazionalità boliviana. In un primo tempo si era ritenuto che i dirotattori fossero tre, ma gli agenti che sono saliti a bordo dopo il rilascio dei 96 passeggeri in ostaggio e degli otto membri dell’equipaggio hanno portato via in manette otto persone. I pirati – probabilmente boliviani – non avevano alcuna bomba. L’allarme è arrivato direttamente dal pilota. «Non ci sono stati momenti di crisi nell’aereo – ha dichiarato Adriana Romero – ci siamo addirittura sorpresi di atterrare e vedere una gran quantità di polizia nell’aeroporto».

Secondo la testimonianza di un altro passeggero, Rocio Garcia, «i sequestratori erano ben vestiti e sembravano passeggeri normali. Abbiamo passato momenti di angoscia, ma solo perchè non sapevamo che cosa stava succedendo». I sequestratori non sono neppure riusciti a entrare nella cabina di volo perchè quest’ultima era sigillata, hanno ricordato altri testimoni. Le autorità non hanno sospeso i voli nell’aeroporto, dove – precisano fonti locali – l’attività è normale, anche se alcuni voli sono stati fatti atterrare a Toluca e in altre città vicine alla capitale. L’azione con la quale gli uomini delle forze di sicurezza hanno preso il controllo è durata poco meno di tre minuti.

Decine di poliziotti federali hanno fatto irruzione sul velivolo attraverso le due scale del Boeing 737 dell’Aereomexico, hanno aggiunto le fonti, precisando che l’aereo, che assicurava il volo 576, era stato fatto parcheggiare in una zona dello scalo nota come “La Gota”, area preparata appositamente per i casi di minacce con esplosivi. L’aereo è stato subito circondato da uomini della polizia federale armati con mitragliette e dotati di giubbotti antiproiettili, oltre ad un elicottero e diversi veicoli della forza delle sicurezza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X