Da Cingoli con furore, le trenta perle
del baby bomber Lorenzo Maccioni

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

maccioni

Colpo di coda. Possiamo dare questo titolo al weekend calcistico appena trascorso: la copertina spetta di diritto ad una cinica Civitanovese, che nel campionato Juniores regionale non dà scampo alla capolista Vis Macerata, che manca di fatto il primo match point della stagione. I rossoblu infatti si impongono al Polisportivo per 3-1 sulla compagine di patron Moretti e rosicchiano così tre punti preziosi in chiave scudetto. Con la vittoria della Civitanovese, seguita a ruota dal Trodica (anche lei ora a quota 47), si riaprono clamorosamente i giochi a due giornate dal termine: ci si attende un finale scoppiettante. In casa Allievi regionali, già definiti i verdetti nelle zone alte, con il Tolentino matematicamente campione del girone B e ammesso di diritto alle finali regionali e
Maceratese invece che dovrà superare anche lo scoglio degli spareggi a tre per accedere alla “resa dei conti”. Tra le possibili pretendenti al passaggio del turno troviamo l’Autolelli, formazione ascolana, e con tutta probabilità la Vigor Senigallia. In zona retrocessione, rischiano molto Camerino e San Francesco Cingoli.
In casa giovanissimi regionali è sempre duello Robur – Junior Jesina. La compagine di Tomassini espugna il “Battisti” di Recanati con il punteggio di 2-1 mentre gli jesini sbancano Macerata per 4-2. E pensare che la gara faceva presagire ad un risultato completamente diverso: sotto di 2 reti infatti, la Maceratese riusciva prima ad accorciare le distanze con Cartechini e pervenire addirittura al pareggio 3 minuti dopo grazie alla più classica delle autoreti. Ma è proprio in questi casi che viene fuori il carattere della grande squadra, e grazie a due invenzioni da calcio d’angolo, gli jesini fissavano il punteggio finale sul 2-4.
Merita un grandissimo plauso la San Francesco Cingoli di mister Mauro Del Bianco, che conquista matematicamente a due gare dal termine, una salvezza insperata visto il ruolino del girone d’andata. Data infatti per spacciata sin dall’inizio, il mister cingolano ha saputo rimboccarsi le maniche e curare i mali di una squadra che vista la presenza di numerosissimi ’95, ben 7 nella formazione iniziale, soffriva moltissimo la mancanza di quel pizzico di esperienza fondamentale in campionati come quello regionale. Autentico trascinatore quel Lorenzo Maccioni (classe ’95 nella foto) schierato esterno sinistro da Del Bianco ma mattatore assoluto con la bellezza di 30 centri: insomma,un ragazzo di cui non perdere assolutamente le tracce.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X