Fiori come regalo di San Valentino,
la scelta degli innamorati

SONDAGGIO - E' quanto risulta da una indagine online di Coldiretti che invita ad acquistare piante e fiori italiani

- caricamento letture
vivai

Una vivaista Coldiretti

Fiori per la festa degli innamorati, un modo per festeggiare al meglio San Valentino con la propria dolce metà e per dare una mano a un settore che nelle Marche conta oltre 500 aziende. Omaggio floreale che, secondo un’indagine online condotta dal sito www.coldiretti.it sui doni preferiti per la festa degli innamorati, viene scelto da oltre un italiano su due (52%) e preferito a cioccolatini (30%), capi di abbigliamento (13%) e gioielli (5%). Un settore importante che nelle Marche vale, tra vivai, piante e fiori ornamentali, 42 milioni (+13% nel 2022) e che vede al lavoro circa 1.300 addetti in oltre 1000 ettari. Aziende florovivaistiche che spesso incontrano i consumatori direttamente in azienda o nei mercati agricoli di Campagna Amica dove non mancano stand con piantine in vaso a chilometro zero che offrono anche la garanzia di essere al riparto da prodotti ottenuti con l’utilizzo di prodotti fitosanitari nocivi e vietati in Europa e con lo sfruttamento della manodopera, come nel caso delle rose dal Kenya per il lavoro sottopagato e senza diritti, o i fiori dalla Colombia dove ad essere penalizzate sul lavoro sono le donne.
«Determinati prodotti che non rispettano le nostre europee non dovrebbero proprio entrare in Ue secondo quel principio di reciprocità che anima da anni la nostra azione politico sindacale – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – lo abbiamo dimostrato nel corso del tempo, ad esempio, con la nostra contrarietà ad accordi di libero scambio come il Ceta con il Canada che rischiava di inondare il mercato di grano duro al glifosate, proibito in Italia, e al Mercosur con i paesi sudamericani».
«Al contrario, i fiori italiani – conclude Coldiretti – sono più sostenibili durano di più, ma sono anche più profumati, non solo perché non devono affrontare lunghi tempi di viaggio che fanno arrivare quelli stranieri meno freschi alla meta, ma anche perché molti produttori nazionali sono impegnati a selezionare varietà che presentano aromi più intensi e caratteristici. Il consiglio è, dunque, di acquistare fiori e piante assicurandosi dell’origine nazionale meglio direttamente dal produttore o nei mercati contadini di Campagna Amica  per essere sicuri di mettere nel vaso un prodotto italiano al 100%, che sostiene i territori e rispetta l’ambiente e l’occupazione».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X