Unimc, giornate di festa
per tre generazioni di laureati

MACERATA - Da domani a sabato l'ateneo celebra i suoi dottori: premio "Laureato dell'anno" al garante regionale dei diritti alla persona, Giancarlo Giulianelli

- caricamento letture

laureati-unimcDa domani, giovedì 30 novembre, fino a sabato, 2 dicembre, l’università di Macerata insieme all’Alam, l’associazione dei laureati dell’ateneo, celebra i suoi laureati, di ieri e di oggi. Dal 2020, la tradizionale Giornata del Laureato, ideata nel 2003 per riunire insieme generazioni diverse di dottori Unimc, si è estesa su più giorni per risarcire con una festa collettiva quanti avevano conseguito il titolo finale in lockdown. Sono nati così i Graduation Day che nei prossimi giorni porteranno a Macerata circa quattrocento laureati dell’anno accademico appena concluso insieme ai laureati del 1973 e del 1998.

Le cerimonie si terranno al cinema Italia: giovedì sarà la volta dei dipartimenti di Studi Umanistici la mattina alle 12; di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali e di Economia e diritto alle 16; venerdì sarà la volta del dipartimento di Scienze della Formazione, beni culturali e turismo alle 13 e di Giurisprudenza il pomeriggio alle 16.

giancarlo-giulianelli-1-300x400

Giancarlo Giulianelli

Sabato 2 dicembre alle 10 si terrà, invece, la 19° edizione della “Giornata del Laureato”, evento nato per riunire insieme e far tornare nella loro università i laureati di 25 e 50 anni fa. Nell’occasione saranno conferiti i premi “Laureato dell’Anno”, “Oscar Olivelli”, istituito in memoria del giurista scomparso nel 2015, e Alumni.

Ecco i nomi dei vincitori di quest’anno. Il premio “Laureato dell’Anno” andrà al garante regionale dei diritti alla persona Giancarlo Giulianelli. Il premio “Oscar Olivelli” a Stefania Cinzia Maroni, avvocata cassazionista, organizzatrice degli aperitivi culturali dello Sferisterio. Ecco invece i premi Alumni: Roberta Ciampechini, dirigente scolastico del liceo scientifico Galilei di Macerata, reggente del Convitto Nazionale Leopardi e pianista; la scrittrice Evita Greco, che nel 2016 ha ricevuto il premio Rapallo con “Il rumore delle cose che iniziano”; Harmany Itoua Elègan, responsabile area vendite per l’Africa alla Simonelli Group; Allegra Paci, già presidente per le Marche dell’Associazione nazionale archivistica italiana e general manager di Ebla, società cooperativa operante nel settore delle biblioteche, archivi, didattica e musei; Elisabetta Pieragostini, amministratrice dell’azienda Dami, premiata da GammaDonna fra le 50 imprenditrici italiane più innovative del 2023



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X