Civitanova Solidarity Sound,
in archivio la quarta edizione

MUSICA - Gli otto giovanissimi finalisti giunti da tutta Italia hanno trattato temi come l'autismo, la diversità, la voglia di riscattarsi, il bullismo e la famiglia ed il legame fra genitori e figli. Per le band hanno vinto gli Azi e per i solisti è arrivato primo Giuseppe Madonna
- caricamento letture

 

4dc3d036-ef68-4334-906b-1438f21f4e60-650x316

Le premiazioni finali del Civitanova Solidarity Sound

Una serata dedicata ai temi sociali quella vissuta ieri all’esterno del teatro Cecchetti, a Civitanova.

PH-Luigi-GasparroniFLV_4900-325x217La finale della IV edizione di Civitanova Solidarity Sound «ha regalato forti emozioni, spunti di riflessione, e divertimento al numeroso pubblico intervenuto anche da fuori provincia», si legge nella nota degli organizzatori. Presenti, oltre ai giurati istituzionali e tecnici, anche il sindaco Ciarapica in rappresentanza della amministrazione comunale. La serata ha visto l’esibizione degli otto giovanissimi finalisti giunti da tutta Italia trattando in musica temi come l’autismo, la diversità, la voglia di riscattarsi, il bullismo e la famiglia ed il legame fra genitori e figli.

È stato presentato alla cittadinanza il servizio di educativa di strada, già presente da anni nel territorio comunale. I ragazzi coinvolti nel servizio hanno anche presentato con un video una canzone scritta e interpretata da loro. «L’assessorato alle politiche sociali e welfare del Comune e la cooperativa sociale Il faro, infatti, da anni rendono operativo il servizio di educativa di strada nel territorio – spiega la nota -. Quest’azione, nata all’interno del progetto Goals, ha visto un importante riscontro positivo dell’intervento territoriale e l’amministrazione ha deciso di investire sul servizio fino a farlo diventare un intervento educativo stabile in città.

PH-Luigi-GasparroniFLV_4914-325x217«Nasce da questo la volontà di rendere più visibile il servizio attraverso la partecipazione a Civitanova Solidarity Sound – dichiara Irene Ortolani della cooperativa Il faro -. Vorremmo centrare l’attenzione dei nostri ragazzi e di quanti prenderanno parte all’evento sul sano protagonismo giovanile che attraverso l’arte e la musica può dare espressione compiuta e articolata delle difficoltà che i giovani vivono e sperimentano nel loro essere adolescenti. I ragazzi hanno lavorato, insieme agli educatori, alla scrittura e creazione di una canzone che li rappresentasse e potesse rendere visibile con le parole il loro vissuto emotivo così da dar voce a se stessi e non rimanere invisibili per la società».

In conclusione di serata sono stati proclamati i vincitori: per le band hanno vinto gli Azi, di Ascoli, con la canzone “Resta solo la notte”, mentre per i solisti ha vinto Giuseppe Madonna, di Napoli, con la canzone “Gli eroi”, mentre un terzo posto tra le due categorie è andato a Filo (Filippo Monti), di Modena, con la canzone “Giungla”.

450ae71e-5579-4cd8-8a5d-0cc1f1b33c75-325x381«Una grande gioia poter raccontare i tanti traguardi dei nostri ragazzi, che orgogliosamente assessorato, consulta dei servizi sociali e Faro sostengono da anni, accanto ai giovani, alle loro voci, necessità, bisogni – conclude l’assessore Barbara Capponi -. Non a caso abbiamo voluto, in una serata di musica giovanile ma impegnata, dare visibilità al nostro servizio concreto sul territorio che, tramite un’equipe multidisciplinare di specialisti, raggiunge i ragazzi nella loro quotidianità e nei luoghi informali di aggregazione con proposte educative e di crescita. Solidarity Sound porta in tutta Italia una proposta di valore, e i nostri giovani hanno colto con successo la sfida positiva che abbiamo lanciato. Il lavoro sul sociale spesso non fa rumore ma costruisce silenziosamente cultura, forme di pensiero e ricadute concrete sui nostri ragazzi, e questo sarà sempre il risultato più grande per noi tutti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X