Fabrizio Ravanelli ospite alla Filarmonica
«Il mio primo gol fra i professionisti
segnato contro la Maceratese»

MACERATA - L'ex attaccante della Juve ha raccontato la sua storia calcistica agli ottanta intervistato da Michele Spagnuolo, presidente del Panathlon Club, che ha accolto anche cinque nuovi soci: Julia Fedorova, Mauro Giustozzi, Marco Scarponi, Giovanni Torresi e Fabiano Tombolini
- caricamento letture

 

Fabrizio-Ravanelli-e-Michele-Spagnuolo

Fabrizio Ravanelli e Michele Spagnuolo

Grinta, sacrificio e umiltà. Così Fabrizio Ravanelli ha incantato i soci del Panathlon Club Macerata ospitati per l’occasione al teatro della Filarmonica. Giocatore simbolo della Juventus degli anni Novanta, ha raccontato la sua incredibile carriera alternando aneddoti e ricordi del passato a commenti sul campionato in corso e l’attualità, specificando che il primo gol fra i professionisti l’ha realizzato alla Maceratese quando militava in Serie C.

Fabrizio-Ravanelli«La mia favola è cresciuta grazie alla forza e al sacrificio – ha esordito Fabrizio Ravanelli intervistato dal presidente del Panathlon Club Macerata Michele Spagnuolo – grazie alla mia famiglia e a mio padre. Da bambino dopo una partita in cui non mi ero impegnato, mio padre a 4/5 chilometri da casa mi fece scendere dall’auto per farmi capire che in quello sport l’impegno era fondamentale. Ho avuto la fortuna di conoscere a 23 anni un ambiente come quello della Juventus, un presidente come Giampiero Boniperti e uno spogliatoio incredibile. Mi sembrava di vivere una cosa non reale – ha continuato “penna bianca” – di vivere una favola. La firma del contratto, gli allenamenti in cui poter dimostrare di essere all’altezza di giocatori del calibro del mio mito Gianluca Vialli. Ho vissuto quei momenti come occasione di crescita mia personale, poi piano piano, allenamento dopo allenamento, ho preso consapevolezza e mi sono conquistato il posto. Quello che mi manca di più del calcio giocato è l’adrenalina prima delle grandi partite, quella che non fa dormire la notte, ma soprattutto lo spirito di squadra. Nel calcio attuale, rispetto a quello dei miei tempi, c’è più cura tattica, più attenzione ai dettagli, ma si è perso lo spirito di un tempo e la voglia di stare insieme. E’ cambiato tutto».

Il-presidente-del-Panathlon-Club-Macerata_Michele-SpagnuoloDurante la serata non sono mancati riferimenti al campionato attuale di Serie A, vinto ieri dal Milan all’ultima giornata, ma anche un pensiero affettuoso all’Ucraina e al suo popolo, conosciuto da Ravanelli in occasione dei suoi mesi da allenatore all’Arsenal Kiev. «Un grande onore poter ospitare una conviviale così partecipata e così importante. Ringrazio Fabrizio per essere qui con noi in nome dell’amicizia che ci lega da anni – ha affermato il presidente del Panathlon Club Macerata Michele Spagnuolo -. Il calcio e lo sport significano passione, umiltà, sacrificio. Valori che hanno accompagnato Ravanelli fin da bambino, quando si andava ad allenare a Perugia in autostop. Penso che dalle sue parole dobbiamo tutti portarci a casa un insegnamento, quello di credere nei nostri sogni. Sognando e sudando tutti possiamo raggiungere grandi risultati. Permettetemi anche di segnalare – ha concluso il suo intervento Spagnuolo – come il Panathlon Club Macerata sia sempre più radicato sul territorio. Gli ingressi dei nuovi soci testimoniano come il direttivo stia lavorando bene, portando avanti con determinazione e concretezza i veri valori dello sport».

Fabrizio-Ravanelli-2-325x217Nel corso della conviviale sono stati infatti cinque gli ingressi come nuovi soci del Panathlon Club Macerata. Nello specifico: Julia Fedorova (personal trainer e “StudioPPT” Founder), Mauro Giustozzi (direttore generale Università di Macerata), Marco Scarponi (presidente Anfass Macerata), Giovanni Torresi (vice presidente vicario del Coni Marche e presidente del Tennis e padel team di Macerata) e Fabiano Tombolini (presidente dell’associazione Tennis Macerata).

Fabrizio-Ravanelli-intervistato-da-Michele-SpagnuoloTra gli ottanta ospiti della serata anche il consigliere internazionale Panathlon International Luigi Innocenzi, il governatore Area 5 Panathlon Francesco Franceschetti, il vice Governatore Area 5 Panathlon D.I. Stefano Ripanti, i presidenti dei Panathlon club marchigiani di Senigallia, Jesi, Osimo e Ascoli, il presidente del Coni Marche Fabio Luna, l’artista Nazareno Rocchetti, una delegazione degli Juve Club di Potenza Picena e Treia. Il prossimo appuntamento conviviale sarà giovedì 9 giugno in occasione dei campionati italiani di scherma paralimpica organizzati dal comune di Macerata in collaborazione con Macerata Scherma.

Torresi_Franceschetti_Tombolini_Fedorova_Spagnuolo_Innocenzi_Giustozzi_Scarponi

I nuovi soci

I-partecipanti-alla-conviviale

I partecipanti alla conviviale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =