Le Marche tornano in zona gialla

COMUNICAZIONE ufficiale del Ministero del cambio di fascia dopo due settimane. Decadono da lunedì alcune restrizioni per chi non ha il Green pass. Nelle ultime 24 ore 22 pazienti in meno in area medica, quattro i morti
- caricamento letture
Regione-masterplan-sanità-P1070963-Acquaroli-650x488-1-325x244

Il presidente della Regione Francesco Acquaroli

 

Dopo due settimane in zona arancione, le Marche tornano a vedere giallo. E’ appena arrivata infatti la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute che ricolloca la nostra regione, da lunedì, in una fascia di rischio più bassa. Ciò comporta anche la decadenza delle restrizioni per i non vaccinati. Non ci sarà più quindi il divieto di spostamento fuori dal proprio Comune per chi non ha il Green pass e il divieto di accedere nei festivi e pre-festivi ai negozi dei centri commerciali.

Proprio in concomitanza con l’entrata in zona arancione due settimane fa, infatti, è iniziata piano piano ad allentarsi la pressione sugli ospedali, confermata anche oggi. Nelle ultime 24 ore c’è stato un totale di -22 ricoveri. A fronte di un paziente in più in terapia intensiva, ce ne sono stati 23 in meno in area medica. Ad  oggi quindi i pazienti Covid scendono a 318: 33 in terapia intensiva (con un percentuale di occupazione dei posti letto pari al 12,7%) e 285 in area medica (con una percentuale di occupazione dei posti letto pari al 27,7%). Quattro infine i decessi: un 85enne di Chiaravalle, una 92enne di Fano, una 82enne di Vallefoglia e un 82enne di Ancona.

«Marche in zona arancione da lunedì» Speranza dà l’ufficialità ad Acquaroli



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =