“Io, Steve Jobs” apre il sipario
sulla stagione del Lauro Rossi

MACERATA - Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, alle 21, la scena è per lo spettacolo di Corrado D’Elia
- caricamento letture

 

corrado-delia-2021-jobs-ph-angelo-redaelli-15-325x220Si apre il sipario sulla stagione 2022 del teatro Lauro Rossi promossa dal comune di Macerata e dall’Amat con il contributo della regione Marche e del MiC che da gennaio a maggio rinnova l’alta qualità delle proposte, con la migliore tradizione del teatro italiano. Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio la scena è per Io, Steve Jobs di Corrado D’Elia, «una storia unica, pennellata con umanità e visione, un’esperienza coinvolgente e indimenticabile – si legge nella nota -. Un flusso di pensieri, una soggettiva sensibile e commovente, con cui Corrado D’Elia ci racconta una delle figure più controverse del nostro tempo. Io, Steve Jobs è un vero e proprio inno alla creatività, uno spettacolo dedicato ai mille volti del talento di Jobs: il genio, il ribelle, l’anticonformista, l’uomo che ha saputo innestare l’anima alla tecnologia, ma anche Steve il solitario, il visionario, il cocciuto e l’idealista, colui che pur in difficoltà ha saputo rialzarsi in maniera eccezionale. L’uomo che ha saputo trasformare ogni lancio di prodotto in un evento memorabile. L’uomo incapace di gestire i più semplici rapporti umani eppure in grado di circondarsi dei migliori collaboratori al mondo. L’abilissimo comunicatore che pensava che la tecnologia ci avrebbe reso più umani e che ci ha insegnato che quando la tecnologia è bella, anche noi lo diventiamo. Colui che non ha mai distinto sogno, utopia e realtà. L’uomo partito dal niente, che alla fine ha avuto tutto – conclude la nota -. E quel discorso, indimenticabile, quell’appello rivolto per i giovani dalla Stanford University e arrivato poi a tutto il mondo, che resterà per sempre nel nostro dna: “siate affamati, siate folli, non omologatevi, osate sempre, siate creatori del vostro destino e del vostro futuro”. Così l’uomo è diventato mito».

corrado-delia-2021-jobs-ph-angelo-redaelli-52-325x212«Il progetto – racconta Corrado D’Eliaindaga ambiti legati alla tecnologia ma anche temi in me ricorrenti: come può la tecnologia aprirci le porte della bellezza? Perché la solitudine accompagna sempre la vita dei grandi geni? Come si accompagnano vita, arte e bellezza? A cosa dobbiamo rinunciare quando inseguiamo le nostre visioni e i nostri sogni? La scienza senza bellezza non è nulla, questo ci ha insegnato Steve Jobs. E chi si accontenta non arriva, non ce la fa. Occorre puntare sempre oltre i nostri limiti, oltre i limiti dell’immaginabile. Uno spettacolo che sento come la perfetta continuazione della ricerca intrapresa ormai da qualche anno sulle grandi personalità che hanno fatto la nostra storia».

corrado-delia-2021-jobs-ph-angelo-redaelli-54-325x158Io, Steve Jobs è uno spettacolo di e con Corrado D’Elia, selezionato nell’ambito di Next 2020, un progetto di Regione Lombardia in collaborazione con Fondazione Cariplo. Il progetto scenico è di Chiara Salvucci, assistenti alla regia Luca Ligato e Sabrina De Vita, ricerca Alessandro Sgamma, produzione Compagnia Corrado d’Elia. Informazioni e vendita biglietti: biglietteria dei teatri 0733230735, online su vivaticket.com. Inizio spettacoli alle 21. Con lo spettacolo torna anche l’appuntamento con Gente di teatro, incontro con la compagnia in programma il 26 gennaio alle 18 al teatro Lauro Rossi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =