“Spese Facili” in Consiglio regionale:
condannati Spacca e Bugaro

IN AULA - Le pene della Corte d'Appello di Perugia: un anno e sei mesi per l'ex vice presidente dell'assemblea legislativa e un anno e otto mesi per l'ex governatore delle Marche. Erano imputati per peculato nell'inchiesta della procura di Ancona per presunti rimborsi ottenuti in maniera illegittima. Confermate le assoluzioni per Oscar Roberto Ricci e Francesco Comi. Si è arrivati in Umbria dopo l'annullamento delle sentenze decise dalla Cassazione
- caricamento letture
UNIVPM-anno_accademico-DSC_0767-GianMario_Spacca--650x433

Gian Mario Spacca

 

Ennesimo colpo di scena nell’inchiesta delle cosiddette “Spese facili” del Consiglio regionale. Questo pomeriggio la Corte d’appello di Perugia ha condannato per peculato l’ex governatore delle Marche Gian Mario Spacca e l’ex vice presidente dell’assemblea legislativa e consigliere Pdl Giacomo Bugaro. Si procedeva con il rito abbreviato. Per il primo è stata decisa una pena di un anno e otto mesi di reclusione, per il secondo un anno e mezzo. A entrambi è stata riconosciuta la sospensione condizionale della pena. Sono stati condannati solamente per alcuni capi d’accusa: altri sono stati dichiarati prescritti (si partiva addirittura dal 2008). La Corte d’appello di Perugia ha assolto l’ex segretario regionale del Pd Francesco Comi e l’ex addetto al gruppo Pd Oscar Roberto Ricci.

giacomo-bugaro

Giacomo Bugaro

Non doversi procedere per l’ex capogruppo di Sel Massimo Binci, venuto a mancare lo scorso luglio. Per tutti gli ex rappresentanti del Consiglio regionale, l’accusa era aver ottenuto i rimborsi per spese non considerate istituzionali o, comunque, non adeguatamente giustificate. I quattro finiti a Perugia erano stati assolti in primo grado dal tribunale di Ancona. Un’assoluzione confermata poi dalla Corte d’Appello del capoluogo dorico. E’ stata la procura generale a proporre il ricorso per Cassazione. Nel febbraio 2020, i giudici di Roma hanno deciso di annullare i verdetti assolutori e predisporre un altro processo, a Perugia. Questo pomeriggio, le sentenze di condanna, limitate solamente ad alcuni capi d’accusa: tre per Bugaro, cinque per Spacca. A quest’ultimo, la Corte ha riconosciuto somme investite nella ristorazione, nell’acquisto di periodici e per l’acquisto di pacchetti di messaggistica (tra queste ultime due voci, circa 20mila euro). In riferimento a Bugaro, la condanna è arrivata per meno di 4mila euro di somme legate a spese postali o relative a convegni. Entrambe le difese – gli avvocati Maurizio Barbieri per Bugaro e per Alessandro Gasperini per Spacca – hanno già riferito di ricorrere in Cassazione, dopo la lettura delle motivazioni, attese tra 90 giorni. «La sentenza ci lascia un po’ esterrefatti – ha detto Gasperini – non si comprende perchè parliamo di messaggistica e della distribuzione di riviste dove c’erano articoli che parlavano di iniziative istituzionali». «Eravamo sicuri di aver dimostrato che ogni spese è stata fatta nell’interesse istituzionale. Non capiamo la sentenza, ma non possiamo entrare nel merito fino a che non leggeremo le motivazioni». Ricci era difeso dagli avvocati Giacomo Curzi ed Ekaterina Piazzolla, Comi dal legale Marina Magistrelli. Al tribunale di Ancona è in corso il dibattimento per peculato di 55 ex consiglieri regionali che hanno scelto di procedere con il rito ordinario.

(servizio aggiornato alle 19)

Marina-Magistrelli-e-Francesco-Comi-1-650x488

L’avvocato Marina Magistrelli e Francesco Comi all’epoca del primo grado del processo



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X