«Un’area per cani in spiaggia»
La proposta di Legambiente al Comune

CIVITANOVA - La richiesta avanzata dal circolo "Sibilla Aleramo" su sollecitazione di alcuni cittadini, ma «dopo numerose sollecitazioni, ad oggi, non è arrivata nessuna risposta, né tantomeno nessuna valutazione»
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2017-06-25-at-18.27.38-325x183

 

Multe per i cani in area floristica “Tre Case” e problema sversamenti: proposta dei cittadini per una risoluzione delle problematiche. Le idee avanzate dai cittadini sono state presentate all’amministrazione comunale dal circolo Legambiente “Sibilla Aleramo“, che firmato proprio con l’attuale amministrazione, fino a fine dicembre 2021, il rinnovo della convenzione con soli fini di conservazione della flora e della fauna dell’area socio- floristica “Tre Case”. «In virtù di questa convenzione – spiega il circolo – abbiamo ricevuto via email la richiesta da parte di un gruppo di cittadini di poter valutare la proposta di istituire un’area di sgambamento per cani su spiaggia da autorizzare fuori dai confini dell’area socio-floristica “Tre Case”. Tale proposta ha come finalità la possibilità di rispondere ad una esigenza dei cittadini, di evitare le salate multe previste dal regolamento regionale/comunale e al contempo ridurre i conflitti che si sono innescati nell’Area socio-floristica così come in molte spiagge libere di Civitanova. In concomitanza con tali conflitti nell’area protetta si sono verificati importanti danneggiamenti della cartellonistica divulgativa prodotta proprio con i soldi pubblici investiti nel 2014 e 2016 per la convenzione stipulata con il Comune. Legambiente Civitanova ha accolto positivamente la proposta di uno sgambatoio per cani su spiaggia fuori dai confini dell’area socio – floristica ed ha esposto via email, in data 24/08/2021, tale richiesta al sindaco e all’assessore all’Igiene Urbana affinché potessero verificare tale possibilità con gli uffici competenti. Come seconda opzione, in via informale, altri cittadini hanno proposto all’assessore all’Igiene Urbana una revisione del regolamento comunale tramite una moratoria per tutto il periodo estivo di 2 ore giornaliere (dalle 5 alle 7 del mattino) che permetterebbe di soddisfare l’esigenza motoria dei cani non occupando uno spazio per eventuali altri sgambatoi. Insieme alle sopracitate proposte i cittadini – continua Legambiente – hanno inoltre segnalato sversamenti di acqua non meteorica riconducibili all’opera idraulica che dalla statale arriva in spiaggia, tale opera idraulica si trova all’altezza di via “Tre Case”». Il punto, come segnala il circolo, è che «dopo numerose sollecitazioni, ad oggi, Legambiente Civitanova e i cittadini non hanno ricevuto nessuna risposta, né tantomeno nessuna valutazione delle problematiche che potrebbero influenzare negativamente lo stato di conservazione dell’area protetta. Ribadiamo quindi la necessità che la convenzione non sia solo un atto formale dell’Amministrazione, ma diventi uno strumento che porti ad una vera gestione responsabile ed istituzionale di un’area protetta che contribuisce alla diminuzione dell’erosione costiera e fa guadagnare punti per la bandiera blu».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X