«Caporalato in azienda»,
revocato il controllo giudiziario

TOLENTINO - I legali della ditta hanno fatto ricorso: «Dimostreremo che non ci sono state irregolarità»
- caricamento letture
luca-pascucci-e1606838572818-650x612

L’avvocato Luca Pascucci

 

Lavoratori sfruttati e sistemati in una casa inagibile e in condizioni igieniche precarie, questo il motivo che aveva portato ad un provvedimento del gip che ha posto la ditta sotto controllo giudiziario. Provvedimento che era stato preso lo scorso aprile e che da ieri è stato revocato. A spiegarlo sono i legali della ditta, la Società agricola Michele sas, di Michele Seghetta: «La procura di Macerata ha revocato la misura assunta dal Gip. Il pm ha ritenuto, infatti, superate le esigenze cautelari che avevano portato alla assunzione. Il titolare dell’impresa – dicono gli avvocati Luca Pascucci e Piergiorgio Parisella, che hanno fatto ricorso al provvedimento -, conta di poter presto definitivamente chiarire la propria posizione, fornendo ogni elemento utile a evidenziare la mancata integrazione della condotta per il quale è indagato, ossia lo sfruttamento di manodopera straniera. L’imprenditore Michele Seghetta ha già fornito, presentando l’istanza di revoca della misura della amministrazione giudiziaria della propria impresa, elementi sufficienti a mostrare come i lavoratori interessati abbiano prestato la propria opera per un numero di ore non superiori a quelle di legge, ricevuto una retribuzione corrispondente a quella contrattualmente dovuta e, in nessun caso, un trattamento non rispettoso delle loro persone e delle normative vigenti». Il provvedimento era stato richiesto in quanto, secondo gli inquirenti, sarebbe stato chiesto ai lavoratori di versare i 500 euro previsti per dare via alla pratica di emersione del lavoratore (somma che invece deve essere versata dal datore di lavoro).

Caporalato in un’azienda agricola, disposto il controllo giudiziario



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X