Dalla scusa delle sigarette alla fidanzata,
in sette fuori casa dopo il coprifuoco:
sanzioni per 2.800 euro

PORTO RECANATI - I carabinieri hanno fermato diverse persone trovate in giro tra le 23 e l'1 di notte
- caricamento letture

controlli-carabinieri_notte_

 

Da chi ha detto di essere uscito di casa per andare a comprare le sigarette, a chi diceva che stava chiamando la fidanzata, tante scuse che hanno ascoltato i carabinieri della Compagnia di Civitanova questa notte e che hanno portato a sette multe per violazione del coprifuoco e a 2.800 euro di multa. I militari hanno svolto i controlli a Porto Recanti con diverse pattuglie: 58 auto fermate, 87 persone identificate. Sette le persone che sono state trovate in giro (chi in auto, chi a piedi) in violazione del coprifuoco (dopo le 22 non si può uscire a meno che non si abbiano motivi validi, come ad esempio che si debba lavorare). Sette persone fermate questa notte, tra le 23 e l’1, non avevano motivi validi. Qualcuno è stato fermato in auto, e la scusa per essere uscito era che andava a comprare le sigarette. Altre persone erano a piedi, chi diceva che stava rientrando a casa dopo essere stato con un amico, chi passeggiava in centro e quando i carabinieri lo hanno fermato si è giustificato dicendo che era uscito per parlare al telefono con la fidanzata. Il risultato per tutti è stato di essere multati per violazioni delle norme legate al contrasto del Covid. I controlli svolti nella notte hanno portato anche all’arresto di un 26enne, fermato all’Hotel House di Porto Recanati dopo essere stato trovato con 46 grammi di droga.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X