Nuova sede per la Croce Azzurra,
lanciata una raccolta fondi:
«Saremo di nuovo attivi al 100%»

PORTO RECANATI - Michele Tetta, presidente dell'associazione, è ottimista per l'andamento dei lavori ma chiede il sostegno e il contributo dei cittadini
- caricamento letture

 

Michele Tetta e volontari

Michele Tetta e alcuni dei volontari

di Francesca Marchetti

La Croce Azzurra di Porto Recanati ha stabilito la nuova sede in via Bocci 121, dopo che i lavori nella precedente in via Argentina si sono rivelati troppo onerosi e impossibili da portare a termine nei limiti di tempo previsti dalla Asur 3.

Croce Azzurra nuova sede Via Bocci 121

La nuova sede della Croce Azzurra

Dopo un primo sopralluogo sanitario per l’acquisizione della documentazione relativa al cambio sede, il prossimo sarà per verificare che i nuovi locali abbiano le carte in regola per riabilitare il servizio 118 e permettere alla Croce Azzurra di effettuare i servizi di emergenza.

Michele Tetta, presidente di Croce Azzurra Porto Recanati, ha individuato personalmente la nuova sede dopo aver girato la città alla ricerca di una soluzione idonea alle necessità. Il trasferimento ha generato un nuovo ottimismo per la prossima riapertura dell’associazione dati i nuovi locali a disposizione, più ampi e meglio disposti.

I lavori di miglioria procedono a pieno ritmo e le attrezzature dei veicoli sono state revisionate. Tuttavia il nuovo direttivo ha riscontrato la necessità di acquistare una nuova ambulanza, e nei giorni scorsi ha avviato una raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme.com per chiedere la collaborazione dei cittadini. I costi, infatti, sono tutti a carico dell’associazione che finora non ha ricevuto altri tipi di aiuti economici.

«Per dare continuità al nostro servizio sul territorio invitiamo tutti i cittadini a contribuire alla causa – dichiara Michele TettaOltre alla raccolta fondi su Internet, sarò presente ogni mattina e pomeriggio nella nuova sede per accogliere i cittadini che vorranno partecipare a questo progetto che interessa tutta la comunità. Ringrazio infinitamente i volontari che finora mi sono stati accanto per lavorare insieme al futuro della Croce Azzurra e l’avvocato Alessandrini per l’aiuto sul piano burocratico. La salita è faticosa ma con caparbietà saremo di nuovo attivi al 100%.»

 

Lavori alla Croce Azzurra, la Croce Gialla si occupa del 118



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X