«Lenti, superficiali e cinici:
la Giunta pensa alle auto in centro
ma di aiuti alle famiglie neanche l’ombra»

MACERATA - Il capogruppo di Strada comune-Potere al popolo Alberto Cicaré attacca l'amministrazione Parcaroli per non aver destinato fondi per sostenere imprese e cittadini colpiti dall'emergenza Covid: «Fanno dubitare fortemente della capacità di dare la svolta che gli elettori hanno chiesto»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ConsiglioComunale_Cicare_FF-22-325x217

Alberto Cicarè in Consiglio comunale

 

«Lenti, superficiali, cinici: è questa la svolta? In uno dei periodi più duri, strani e straordinari della nostra storia, di fronte a una situazione di emergenza che da sanitaria è diventata economica e sociale, la nuova amministrazione risulta quasi immobile, senza risorse ideali e di energia». Duro attacco di Alberto Cicarè, capogruppo di Strada comune-Potere al popolo, alla giunta Parcaroli. Il consigliere d’opposizione denuncia il fatto che l’amministrazione si sia concentrata su qualche parcheggio in centro, dimenticando del tutto di aiutare famiglie e imprese per l’emergenza Covid, come fatto dalla stragrande maggioranza dei Comuni in provincia e non solo.  «Il Comune di Ancona – continua Cicarè – già a metà novembre ha trovato nelle pieghe del suo bilancio un milione di euro da distribuire a imprese e famiglie in situazione di difficoltà economica causata dall’impatto del Covid. Noi dobbiamo attendere ancora come verranno distribuiti i buoni spesa che il Governo ci ha destinato. In altri comuni sono chiari e ben pubblicizzati i servizi di consegna della spesa e dei farmaci, di fornitura di pasti, a persone in difficoltà economica o costretti a casa per motivi di quarantena, contagio o problemi di mobilità».

piazza-della-liberta-macerata

Le transenne in piazza della Libertà

«Cosa si fa a Macerata lo abbiamo chiesto con una interrogazione in Consiglio – continua Cicarè – da noi c’è un servizio scarno, poco conosciuto, di informazione e di supporto telefonico: chi si trova in difficoltà ha la concreta accessibilità a ottenere un aiuto, che sia di informazioni sanitarie o di servizi alla persona? Dal Comune giungono voci di un fondo speciale da istituire a gennaio. Ma la tempestività? Cosa e come fanno nel frattempo tutte le persone colpite di nuovo, forse ancora più duramente, da questa emergenza? Cosa fa il Comune di Macerata in questa situazione straordinaria? Abolisce la tassa di soggiorno: certo un aiuto fondamentale per gli albergatori della città in questo periodo brulicante di turisti. Mette un po’ di strisce per terra e fa di Piazza della Libertà un parcheggio, toglie anche quei due angoli di verde che c’erano davanti San Paolo e completa l’opera con una bella serie di transenne: venite a vedere la grande bellezza. Poi? Quali sono i segni forti, sostanziali, della vicinanza del Comune ai suoi cittadini in termini di aiuti o di progettazione? Il grande decisionismo che hanno dimostrato subito chiudendo il progetto di accoglienza ai migranti, rinunciando a fondi già stanziati dal ministero e privando del lavoro un buon numero di giovani, non lo vediamo ripetersi in azioni positive per venire incontro ai bisogni dei cittadini. Facile accanirsi cinicamente contro gli ultimi – attacca ancora il capogruppo di Strada Comune-Potere al popolo – come quando si vota contro la nostra proposta di fornire un tetto ai senza fissa dimora, più complicato farsi venire idee per sostenere il tessuto economico di una società pesantemente in crisi, non da adesso per la verità. Ma la superficialità e la lentezza con cui viene affrontata l’emergenza fanno dubitare fortemente della capacità di questa Giunta di dare la svolta che gli elettori hanno chiesto. Del resto, nel loro programma di mandato non viene citata neanche una volta la parola Covid: quale segno più evidente dell’incapacità di comprendere la situazione straordinaria e le sue conseguenze sulla vita attuale e sul futuro di ognuno di noi?».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X