Controlli sulla filiera della pesca,
sequestrata rete abusiva

CIVITANOVA - La guardia costiera l'ha rinvenuta all'imboccatura del porto, rappresentava un pericolo per la navigazione delle imbarcazioni in ingresso ed uscita
- caricamento letture

 

esercitaizone-area-portuale-guardia-costiere-vdf-soccorsi-croce-verde-porto-civitanova-FDM-6-325x217

 

Rete da pesca abusiva sequestrata dalla Capitaneria di porto di Civitanova. Operazione della guardia costiera impegnata nelle attività di contrasto alla pesca illegale. Durante un controllo sulla filiera della pesca il personale a bordo della motovedetta CP 839 ha sequestrato un attrezzo da pesca professionale, utilizzato in maniera illegittima e presumibilmente da pescatori senza regolare licenza. L’attrezzo sequestrato, una rete da posta di nylon lunga circa 3000 metri era priva delle targhette identificative che la normativa richiede e sulle quali vanno indicati i dati dei pescherecci su cui sono imbarcate. Inoltre la rete, trovandosi all’imboccatura del porto di Civitanova, rappresentava un pericolo per la navigazione, ed in particolar modo alle unità da diporto in ingresso ed uscita. Per questo motivo, su disposizione del Comandante dell’Ufficio circondariale marittimo di Civitanova, Ylenia Ritucci, il personale della Motovedetta CP 839 ha proceduto a salpare la rete e ad avviare gli accertamenti di rito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X