Vicini detective scoprono i ladri,
il colpo va a monte

CORRIDONIA - Il tam tam sul gruppo Whatsapp del controllo di vicinato di via Rossini ha consentito di individuare i malviventi che si erano introdotti in una abitazione, poi costretti a fuggire
- caricamento letture

ladri-ladro

 

Ladri si arrampicano sul tubo della grondaia ed entrano in un’abitazione, i vicini se ne accorgono e li mettono in fuga. E’ successo intorno alle 21,45 di ieri a Corridonia: funziona il controllo del vicinato in via Rossini. Infatti, sono stati i residenti ad accorgersi di quanto stesse accadendo e a scendere in strada, dopo aver avvertito le forze dell’ordine, puntando delle torce verso l’appartamento e facendo così capire ai malviventi che erano stati scoperti, costringendoli a fuggire solo con qualche monile preso all’interno dell’abitazione in cui erano riusciti ad introdursi. Il tam tam sul gruppo WhatsApp di cui fanno parte circa 60 persone residenti della zona è iniziato subito dopo cena. Due tipi sospetti avvistati da uno dei partecipanti all’inizio della via. Si sono susseguite le segnalazioni, con ogni probabilità i malviventi, almeno due, stavano provando ad introdursi in altre case ma la presenza dei proprietari e le luci accesi li avevano scoraggiati. Così non è stato nell’appartamento nel quale sono riusciti ad entrare, i proprietari in quel momento non erano in casa. Ma il rumore dell’arrampicata sul tubo della grondaia ha insospettito i vicini. Nel frattempo, i ladri hanno tirato su la serrandina della finestra di un’abitazione al secondo piano di un condominio e hanno fatto un foro di larghezza tale da introdurre un braccio per poi aprire la maniglia ed entrare. Ma non avevano fatto i conti con la prontezza dei vicini che, dopo aver avvertito le forze dell’ordine (compito di cui si occupa il coordinatore del gruppo), sono scesi in strada con le torce, puntandole verso le finestre dell’appartamento. I ladri a quel punto, ormai scoperti, hanno arraffato quel poco che potevano e sono scappati dal retro, scavalcando una recinzione e fuggendo a piedi nelle campagne circostanti.

(Redazione Cm)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X