Ospedale di Macerata Covid free,
Chiodera: «Pochissimi i nuovi ricoveri,
può dipendere dall’età dei contagiati»

IL PRIMARIO di Malattie infettive: «Da circa una settimana non abbiamo più pazienti. Per la cura: subito prevenzione delle trombosi e ossigeno per chi respira male. Il cortisone per i casi più gravi»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
chiodera

Il primario Alessandro Chiodera

 

L’ospedale di Macerata è covid free da circa una settimana, da quando anche l’ultimo ricoverato del reparto di Malattie infettive è stato dimesso. Il primario, Alessandro Chiodera: «Vediamo che continuano ad esserci nuove infezioni ma i ricoveri sono pochissimi. A marzo avevamo avuto tanti anziani, ora si infettano i giovani ma di persone con i sintomi ce ne sono poche». Difficile dire il perché, spiega ancora il primario: «Forse può dipendere proprio dall’età di chi viene contagiato. Di certo il virus non è cambiato». Chiodera ha diretto il reparto che è stato posto nella ex palazzina di Malattie infettive di Macerata (che nella prima fase è stato gestito soprattutto dalla Pneumologia di Macerata), e che è arrivato ad avere fino a 20-25 pazienti ricoverati. Poi piano piano il numero dei pazienti è sceso sempre di più. Sono cambiati anche i pazienti «parliamo di persone che sono state trovate con polmonite e che nel giro di un paio di giorni stavano bene» dice Chiodera.

ExMalattieInfettive_Trasferimento_Covid_FF-12-650x434

Trasferimento di pazienti alla ex palazzina di Malattie infettive

Niente a che vedere con quello che accadeva a marzo con persone che spesso finivano ricoverate in terapia intensiva. Al momento nelle Marche sono undici le persone ricoverate, nessuna in terapia intensiva. Il reparto nella ex palazzina di Malattie infettive è chiuso al momento «ma siamo pronti a riaprire in caso dovessero essere necessari altri ricoveri» spiega Chiodera. Il primario sul rischio di una possibile ripresa del Covid verso l’autunno, spiega che «anche in quel caso il problema saranno gli anziani, non i giovani. Lo stiamo vedendo in questi giorni che i giovani non vengono ricoverati». Nel corso di questi mesi si è compreso che tipo di cura si può usare per chi contrae il Coronavirus? «Abbiamo capito che i due cardini sono prevenire precocemente le trombosi (che sono spesso state la causa della morte dei contagiati, ndr) e appena il paziente inizia a respirare male bisogna metterlo sotto ossigeno. Poi per i casi più gravi si interviene anche con il cortisone».

(Redazione Cm)

Il primario di Malattie infettive: «Dati in miglioramento al Covid hospital ma non siamo fuori pericolo»

Ex malattie infettive, tutto pronto per l’apertura (Foto) Risolto il nodo dei parcheggi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X