Il capo dell’associazione fa scena muta:
«Chiederò la scarcerazione di Cimorosi»
Anche i Cimmino in silenzio dal Gip

INCHIESTA BACKGROUND - L'uomo, 46 anni, di Montegranaro, è comparso oggi davanti al giudice. Intanto il suo legale è pronto al ricorso. Anche altri due arrestati, padre e figlio, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Le contestazioni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

 

operazione-background-1-325x184

La conferenza sull’operazione Background

di Gianluca Ginella

Scena muta davanti al Gip per Marco Cimorosi, il presunto leader dell’associazione per delinquere che avrebbe riciclato in regione 130 milioni di euro. L’uomo, 46 anni, di Montegranaro, è comparso questa mattina davanti al gip di Ancona per l’interrogatorio di garanzia (che si è svolto nel carcere di Montacuto, dove il 46enne si trova da lunedì, dopo l’arresto). Due le indagini che lo coinvolgono. Una è la maxi inchiesta della Dda di Ancona con 146 persone indagate, a vario titolo, per presunti episodi di riciclaggio (9 gli arresti). L’altra è la costola che vede 3 persone indagate per corruzione: oltre a Cimorosi, ci sono il finanziere Luigi Minichelli, 59 anni, ascolano (in servizio ad Ascoli) e Marco Di Girolamo, detto il Barone, 61 (entrambi sono ai domiciliari). Per l’accusa Minichelli avrebbe rivelato informazioni sull’indagine della Dda a Cimorosi (che lui nega di conoscere), attraverso Di Girolamo. Informazioni che sarebbero state vendute in cambio di denaro. Il 46enne oggi è stato interrogato su entrambi i fascicoli d’indagine, e ha scelto di non rispondere.

Al 46enne viene contestato di aver promosso la costituzione di società, in Italia ed all’estero, «strumentali ai bisogni dell’associazione», di aver individuato persone alle quali far ricoprire, formalmente, le cariche sociali di queste aziende che però amministrava lui. Società che poi emettevano, prosegue l’accusa, fatture per operazioni inesistenti. «Presenterò per il mio assistito riesame al Tribunale della libertà avverso entrambe le ordinanze – dice l’avvocato Roberta Alessandrini, legale di Cimorosi -. Sicuramente dovranno essere rivalutati con grande attenzione non solo i gravi indizi ravvisabili o meno nei risultati delle indagini svolte dalla Guardia di finanza ma anche la prospettabilità delle esigenze cautelari indispensabili per l’applicazione delle misure».

massimiliano-cofanelli

L’avvocato Massimiliano Cofanelli

Nei giorni scorsi anche l’avvocato Francesco Voltattorni, che assiste il finanziere, avevano annunciato il ricorso contro l’ordinanza cautelare. Mentre ieri è stata scarcerata, ed è andata agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, un’altra indagata, Lucia Cocozza, 58 anni, napoletana residente a Civitanova, assistita dagli avvocati Gabriele Cofanelli e Massimiliano Cofanelli.

Entrambi i legali, insieme all’avvocato Ivan Gori, assistono anche Pio Cimmino, 68 anni, residente a Morrovalle, che oggi è comparso pure lui davanti al Gip per l’interrogatorio di garanzia. Presente anche il pm (la richiesta di ordinanze in carcere era composta da ben 6mila pagine, che sono sfociate nell’ordinanza del gip di circa 500 pagine). Cimmino si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ieri era invece stato interrogato il figlio, Massimiliano Cimmino, 41, residente a Civitanova, tutelato dagli avvocati Gian Luigi Boschi e Simone Santoro. Anche lui si è avvalso della facoltà di non rispondere.

simone-santoro-gian-luigi-boschi

Da sinistra: gli avvocati Gian Luigi Boschi e Simone Santoro

A entrambi viene contestato, in qualità di organizzatori, finanziatori e capi di essersi adoperati nel gestire l’attività dei cosiddetti prelevatori, in cambio di 10mila euro mensili. Avrebbero accompagno i prelevatori nel momento in cui aprivano conti correnti alle Poste, e quando andavano a prelevare denaro contante. Soldi che, prosegue l’accusa, dovevano poi essere restituiti a Cimorosi. Tra gli arrestati del Maceratese ci sono anche l’argentino Maximiliano Ivan Gonzalez, 36, residente a Potenza Picena e l’ex commercialista Endrio Mancini, 54, (radiato dall’albo). Gli altri arrestati sono: Teresa De Las Mercedes Torres, 61 anni, residente a Sant’Elpidio a Mare, Domenico La Manna, 61, residente a Milano, Rodolfo Lattanzi, 57, residente a Torre San Patrizio. Tra i difensori ci sono gli avvocati Paolo Carnevali e Riccardo Sacchi.

 

Maxi giro di riciclaggio, scarcerata la 58enne civitanovese

Maxi inchiesta sul riciclaggio, il finanziere: «Mai rivelato segreti» Le carte dell’inchiesta

Maxi inchiesta per riciclaggio: 146 indagati e 12 arresti, tra cui un finanziere «Volevano anche gli aiuti per il Covid»

Riciclaggio per 130 milioni di euro, chi sono i 9 finiti in carcere



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X