A Villa dei Pini un nuovo robot:
è il “killer” dei microbi

CIVITANOVA - La clinica innalza i propri standard di sicurezza e acquisisce il macchinario capace di eradicare il 99.99% di batteri, virus e patogeni negli ambienti chirurgici
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

macchinario-robot-virus

La nuova tecnologia presente nella clinica Villa dei Pini di Civitanova

 

In Italia oltre 6 pazienti su 100 contrae una infezione durante un periodo di degenza in una struttura sanitaria. Si chiamano “infezioni correlate all’assistenza” (Ica) e rappresentano la complicanza più frequente e grave dell’assistenza sanitaria. Ecco perché la clinica Villa dei Pini di Civitanova, che fa della chirurgia protesica uno dei suoi fiori all’occhiello, ha pensato di potenziare sicurezza e processi di sanificazione dei propri ambienti chirurgici, sebbene i dati della clinica civitanovese confermino anche per il 2019 il basso tasso di incidenza delle Ica: acquisito l'”Hyper Light”, autentico “killer dei microrganismi”, clinicamente testato per avere una capacità di eradicare il 99.99% di batteri, virus e patogeni nel raggio di 3 metri. E impiega appena 15 minuti.

villa-pini-villa-dei-pini-civitanova

La clinica di Civitanova

«Il nostro sistema interno di sorveglianza attiva delle infezioni protesiche – dice la direzione sanitaria di Villa dei Pini – ha infatti rilevato che presso la clinica, nei 200 interventi chirurgici eseguiti nel secondo semestre del 2019, si sono verificate complessivamente 3 infezioni correlate all’assistenza (due in occasione di intervento di protesi di anca, una protesi al ginocchio, nessuna in occasione interventi alla spalla ed al gomito) con un tasso di incidenza dello 0,88% per la protesi al ginocchio (ben al di sotto del range medio nazionale di riferimento che sta tra 1,1% e 1,6%) e dell’ 1,71% per quella all’anca (dato prossimo al valore più basso del range medio nazionale, tra 1,2% e 2,4%). La nuova tecnologia da la possibilità di un utilizzo facile, veloce, sicuro per l’ambiente»,precisa la Direzione Sanitaria. Il robot lavora con un metodo di disinfezione Uvgi. L’Uv germicida (254nm Uvc) è in grado di uccidere e inattivare i microrganismi distruggendo gli acidi nucleici e distruggendo il Dna o l’Rna, lasciandoli incapaci di replicarsi e ripararsi. Il sistema consiste in 6 lampade Uv ad amalgama e tecnologia brevettata del riflettore rotazionale per distribuire efficacemente Uv-c nell’ambiente circostante per uccidere e inattivare i microrganismi. Il robot Hyper Light Disinfection non emette ozono e non rilascia residui, quindi è completamente ecologico. Hyper Light non solo migliora l’igiene ambientale ma protegge anche i pazienti e gli operatori sanitari dalle infezioni crociate migliorando la qualità delle cure.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X