Preparazione al parto in streaming,
inizia il servizio a Macerata

SANITA’ – Al via il corso per le future mamme. Era già partito con successo a Civitanova. Il direttore dell’Area vasta 3 Maccioni: «Con questo servizio si attiva una task force informatica nell’ottica di una proficua integrazione tra operatori sanitari e utenti». Serrapetrona aiuta l’ospedale di Camerino con la donazione di circa 7mila euro
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
neonata_nigeriana

Foto d’archivio

 

La teledidattica si applica anche alle future mamme. Parte oggi il primo corso di preparazione al parto in streaming organizzato dall’unità operativa di Ostetricia di Macerata e va a completare l’offerta informativa e assistenziale alle mamme che fanno riferimento ai Punti Nascita del dipartimento materno-infantile dell’Area Vasta 3 dell’Asur. L’avvio dello streaming a Macerata, attivato sulla piattaforma “Skype for business”, coordinato dal direttore del dipartimento Mauro Pelagalli, completa l’offerta su tutti i presìdi dell’Av3: era infatti già attiva, con successo, sin dall’inizio dell’emergenza Covid a Civitanova nel reparto diretto da Filiberto Di Prospero. In quel periodo le mamme che andavano  a Civitanova hanno potuto essere guidate e informate dai sanitari per quanto riguardava le tematiche della gravidanza e dell’organizzazione dei Servizi dipartimentali, mantenendo un filo diretto coi sanitari di fiducia nonostante l’impossibilità dell’accesso al Reparto dovuto al Covid.

primo-paziente-covid-hospital-maccioni-civitanova-FDM-2-e1592495658151-642x650

Alessandro Maccioni

«Il collegamento streaming – rileva il direttore dell’Av3, Alessandro Maccioni -, si è mostrato estremamente valido anche per mantenere un rapporto diretto tra sanitari e pazienti inerente informazioni di carattere gestionale, organizzativo, informativo nel momento del Covid e fin da subito mostra enormi potenzialità per il futuro riguardanti comunicazioni del Dipartimento materno infantile alle pazienti, comunicazioni gestionali e nella condivisione di informazioni cliniche anche in veste multidisciplinare tra le equipe dei due presìdi del dipartimento. Con l’attivazione di questo servizio si realizza inoltre una task force informatica a disposizione dell’utente che va nell’ottica di una proficua integrazione e condivisione tra operatori sanitari e utenti».

Intanto prosegue l’ondata solidale che coinvolge l’Area Vasta 3: a darne notizia, e a ringraziare i cittadini di Serrapetrona per il tramite del primo cittadino, è il direttore dell’Av3 Alessandro Maccioni: «La comunità di Serrapetrona, tramite l’amministrazione guidata dal sindaco Silvia Pinzi, ha organizzato una raccolta fondi il cui ricavato è stato destinato all’acquisto di attrezzature sanitarie per l’ospedale di Camerino. La somma raccolta – 6.910 euro – è stata utilizzata  come compartecipazione alla spesa per l’acquisto di un sistema di monitoraggio dei parametri vitali per l’unità operativa di Rianimazione dell’ospedale di Camerino.  L’attrezzatura, costata 94 mila euro, è stata acquisita dalla SC forniture di Porto San Giorgio ed è già  in funzione». 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X