Linea Civitanova-Fabriano,
FdI: «Disagi intollerabili»

TRASPORTI - I circoli di Tolentino e San Severino denunciano disparità di trattamento per i cittadini dell'entroterra
- caricamento letture

 

autobus-archivio-2-650x453

Foto d’archivio

 

L’estate in bus sostitutivo per gli utenti Trenitalia sulla linea Civitanova-Fabriano (per lavori di ristrutturazione) continua a suscitare proteste per i disagi avuti. E’ la volta dei circoli di Fratelli d’Italia di Tolentino e San Severino che parlano di più criticità: «Abbiamo già iniziato a denunciare le varie criticità della tratta come l’incomprensibile lungaggine dei lavori e l’istituzione di autobus sostitutivi con conseguente penalizzazione dell’entroterra e delle zone più colpite dal terremoto. Tagli di corse e disagi che hanno superato l’umana tolleranza». Gli esponenti di FdI denunciano l’obbligo di cambio di vettore a Macerata con il rischio che i ritardi dovuti al traffico rischino di far perdere le coincidenze: «Fra le tante perle segnaliamo che se qualcuno ha la disavventura di lavorare in un comune lungo la costa o abbia l’inaudita idea di passare una giornata al mare sappia che l’ultimo autobus, da lunedì 22 luglio, per Tolentino, San Severino, Castelraimondo e Matelica parte da Civitanova alle 17,41 con arrivo a Macerata alle 18,29 e ripartenza per l’entroterra alle 20,35 (due ore di sosta a Macerata) mentre per Macerata vi sono altre due partenze alle 20,21 e alle 21,57. Chissà perché il capoluogo ha questo privilegio. I cittadini dell’entroterra sapranno ringraziare la sinistra al governo della Regione con il voto di maggio mandandola finalmente a casa».

Disagi sulla Civitanova-Albacina, Rfi: «L’offerta è invariata»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X