Macerata 2020, appello di due civiche:
«Uniamoci tutti contro il Pd»

ELEZIONI - Francesca D'Alessandro (Macerata nel cuore) e Simone Livi (Azione in Movimento) durante la conviviale alla Filarmonica: «No a una politica last minute, serve un lavoro di squadra partecipato e costante che sfoci in un programma serio, approfondito e condiviso con la cittadinanza». Il prossimo incontro con Simone Pillon, senatore della Lega
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Macerata 2020, la corsa elettorale è già iniziata. E due liste civiche vicine alla Lega sono già scese in campo. “Macerata nel cuore” e “Azione in Movimento” hanno organizzato una conviviale alla Filarmonica di via Valenti. 

francesca-dalessandro-1-325x347

Francesca D’Alessandro e Simone Livi durante la conviviale

«Simone Livi e Francesca D’Alessandro, rappresentanti dei due movimenti civici – si legge nella nota stampa – hanno manifestato grande soddisfazione nel vedere un ritorno appassionato della gente alla politica: più di 60 persone, infatti, hanno partecipato alla cena e al dopocena della prima presentazione del programma in costruzione per le elezioni comunali di Macerata del 2020, elaborato dai due gruppi. Guardando a questa neppur troppo lontana scadenza, che coinciderà anche con le elezioni regionali, si sono evidenziati tre punti nodali: il primo, la necessaria, anzi vitale importanza di una unità di tutte le forze politiche e civiche che vogliono “liberare” questa città da un governo di centro-sinistra miope e sordo, a guida Pd, capace di togliere a Macerata la dignità e la bellezza che l’hanno sempre caratterizzata e contraddistinta. Il secondo punto è stato il tempo: no ad una politica last minute, no a liste fatte in fretta e furia, no a programmi standard. Si è infatti ribadita la necessità di un lavoro di squadra partecipato e costante che sfoci in un programma serio, approfondito e soprattutto condiviso con la cittadinanza. Il terzo punto perciò è stato proprio il programma, promosso con l’hashtag #indodicipunti, che vede al primo posto il problema della sicurezza e dell’immigrazione, così mal gestita fino ad oggi, con tutto ciò che ne deriva: lotta al degrado, alla droga, allo spaccio, attenzione al decoro urbano e alla qualità della vita. Tra i primi punti accennati anche l’attenzione alla famiglia come istituzione non solo da salvaguardare, ma anche da supportare in tutte le sue necessità dai più piccoli ai più anziani; le scuole con una programmazione volta alla prevenzione e non solo all’emergenza; i servizi sociali che mettano al centro le fasce più deboli, in primis i disabili; la cultura rivista e ripensata per creare circuiti virtuosi con tutto il territorio della provincia ed eventi capaci di stimolare il turismo, anche nell’ottica di un rilancio del centro storico, considerato il cuore pulsante dell’intera città. Naturalmente seguiranno altri incontri per proseguire la partecipazione e l’approfondimento dei punti programmatici. Il prossimo appuntamento con Azione in Movimento e Macerata nel cuore – concludono – è previsto per novembre con il senatore della Lega Simone Pillon sulla sua proposta di legge sull’affido congiunto, tema di grande attualità, considerati le innumerevoli separazioni delle coppie moderne».

Macerata “In 12 punti”, Livi e D’Alessandro scendono in campo



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X