Gentiloni: ‘Dopo Errani nuovo commissario’
Ceriscioli: ‘Entro fine anno
il 90% delle casette’

SISMA - Il premier ha annunciato che chi succederà a Vasco Errani, sarà chiamato a gestire una "fase di passaggio". Certezze per i cittadini terremotati: "Le risorse ci sono"
- caricamento letture

chigi-confe-sisma

gentiloni

Paolo Gentiloni

 

“Ci sarà un nuovo commissario”, ha annunciato il premier Paolo Gentiloni in chiusura della conferenza stampa che ha confermato la dipartita del commissario alla Ricostruzione Vasco Errani il 9 settembre (leggi l’articolo). Nessun indizio sul nome, ma chiunque succederà ad Errani sarà chiamato a gestire quella che lo stesso Gentiloni ha definito “una fase di passaggio. Abbiamo ancora vivi alcuni problemi dell’emergenza ma abbiamo anche un impianto robusto per entrare nella fase della ricostruzione. Una fase che deve vedere il protagonismo più accentuato dei territori a livello sia regionale che locale. Certo, non accadrà domani perché ci vuole una legge”. Errani, che aveva fornito un resoconto puntuale dell’attività commissariale durante il suo intervento, in chiusura ha dato sfogo alle sue riflessioni personali sulla situazione. “Avrei voluto fare tutto in tempi più rapidi ma cerchiamo di dare il senso di un percorso che è complesso. Facciamo i conti con una struttura che non viene da oggi ma che sta alle nostre spalle. L’indebolimento storico della struttura pubblica in questi territori è un dato oggettivo. Tenete conto di questa dialettica. Guardate ciò che è successo prima e soprattutto criticate pure noi, ma diamo speranza alle persone. Per la prima volta nella storia dei terremoti i cittadini sono sicuri che le risorse ci sono. Potranno protestare davanti al Parlamento per altre cose, ma non perché non è certo il finanziamento”.

ceriscioli

Luca Ceriscioli

Il governatore delle Marche, Luca Ceriscioli, nel suo intervento ha dato le cifre di questa complessità: “Siamo a rappresentare una realtà che ha 87 comuni dentro il cratere e altrettanti fuori che hanno segnalato danni. Un terzo della superficie della regione è interessata. 32mila sono ancora oggi gli sfollati. Una dimensione che va al di là della scala puntuale di alcune realtà da seguire ma comporta un impegno su un fronte ampio. Un fenomeno epocale”. Sulle Sae, dove, ammette Ceriscioli “siamo più in difficoltà”, entro la fine dell’anno “il 90% delle casette sarà a disposizione delle famiglie per il rientro”. Sulle macerie il dato attuale e di 2mila tonnellate smaltite al giorno, che diventeranno “3mila e 200 a settembre. A oggi abbiamo rimosso 125mila tonnellate di macerie pubbliche (l’80%) e nella maggior parte dei Comuni le strade sono state liberate”. Entro l’anno ci saranno anche le stalle e i fienili, che sono comunque stati completati “al 90%”, dice Ceriscioli. Sul fronte degli investimenti le Marche hanno messo sul tavolo oltre 1 miliardo di euro nel primo anno. “La ricostruzione è grande e complessa – ha concluso Ceriscioli -. Poter contare su queste risorse significa dare un messaggio di chiarezza, utilità e fiducia che è quella che serve per ripartire. Possiamo inoltre contare su persone di grande qualità e capacità”.

 

Articoli correlati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X