Il cugino del premier
per salvare San Nicola
e il convento degli Agostiniani

TOLENTINO - Arriva dalla nobile famiglia del presidente del Consiglio l'aiuto per il coordinamento dei progetti di ricostruzione. Il professore romano Francesco Gentiloni Silveri ha offerto la propria collaborazione a titolo gratuito
- caricamento letture

ministro_gentiloni_tolentino_terremoto_foto_benfatto-1-400x261

Paolo Gentiloni in visita alla basilica di San Nicola

 

E’ un legame antico con la città di Tolentino quello della famiglia Gentiloni Silveri, tanto che il premier Paolo volle visitare la basilica di San Nicola già lo scorso novembre da ministro degli Esteri (leggi). Ora un altro Gentiloni, il professore Francesco, anche lui romano ma di casa a Tolentino, cugino del presidente del Consiglio, ha offerto la propria collaborazione a titolo gratuito al fine di contribuire alla ricostruzione del complesso monumentale di San Nicola e del convento dei Padri Agostiniani. Il professore Gentiloni Silveri, è laureato con lode in economia e commercio, è iscritto all’albo dei Commercialisti e dei Revisori contabili, ha notevole esperienza nel coordinamento di progetti anche molto complessi, di livello nazionale e internazionale, ha avuto incarichi di insegnamento in università italiane. Il palazzo di famiglia dei Gentiloni è proprio vicino alla Basilica di San Nicola, uno dei principali santuari dell’Italia centrale, risalente al secolo XIII, seriamente danneggiata dal sisma ed è stata definita dal presidente del Consiglio “un simbolo mondiale”.

ministro_gentiloni_tolentino_terremoto_foto_benfatto-18-400x267

La facciata di San Nicola messa in sicurezza

Gli interventi che Francesco Gentiloni è chiamato a coordinare prevedono l’acquisizione di elementi necessari per la predisposizione di un programma economico e finanziario di ricostruzione preliminare, la proposta del programma a privati qualificati al fine di reperire fondi ulteriori rispetto a quelli previsti dalle norme sulla ricostruzione,  la verifica della potenziale contribuzione pubblica e dei tempi di erogazione, l’individuazione di finanziamenti in anticipazione della contribuzione pubblica, la redazione del programma economico-finanziario definitivo di ricostruzione e degli interventi necessari e il monitoraggio degli interventi previsti, secondo i più elevati standard qualitativi e di controllo.

Maurizio-Galimberti-San-Nicola-Tolentino_Foto-LB-11-325x217La ricostruzione della Basilica di San Nicola da Tolentino e dell’annesso convento dei Padri Agostiniani costituisce senz’altro una priorità per la città in quanto essi costituiscono un punto di riferimento, un simbolo e il luogo più conosciuto e di maggiore richiamo. Tale ricostruzione, che pure avverrà anche con l’utilizzo dei fondi pubblici previsti dalla legislazione sul sisma, se effettuata nei tempi previsti dalle norme, si prevede potrà essere completata solo in tempi lunghi e quindi il reperimento di fondi alternativi potrebbe dare avvio agli interventi di ricostruzione in tempi molto minori e inoltre l’attività di coordinamento proposta sarebbe senz’altro utile per il migliore andamento di tutte le complesse fasi necessarie al recupero di un bene del genere. L’attività di coordinamento affidata dalla giunta al proponente non sarà alternativa alle figure di carattere tecnico che la legislazione sui lavori pubblici prevede e che dovranno essere scelte secondo quanto indicato dalle norme.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X