Esposto contro Morresi:
“Calpestato statuto comunale”

CIVITANOVA - Sette consiglieri, tra cui l'ex primo cittadino Corvatta, l'ex vice sindaco Silenzi e Stefano Ghio hanno firmato un documento inviato al Prefetto per chiedere provvedimenti contro il presidente del consiglio accusandolo di aver convocato con urgenza l'assise quando non era necessario e di non garantire imparzialità
- caricamento letture
consiglio-comunale-agosto-claudio-morresi-civitanova-FDM-7-325x217

Il presidente del consiglio Claudio Morresi

 

di Laura Boccanera

Esposto contro il presidente del consiglio comunale Claudio Morresi. A firmarlo i consiglieri di centrosinistra Giulio Silenzi, Mirella Franco, Yuri Rosati, Tommaso Claudio Corvatta, Stefano Ghio, Pier Paolo Rossi, Marco Poeta. All’origine della denuncia al prefetto di Macerata il comportamento del presidente durante l’ultimo consiglio comunale, il primo dell’amministrazione Ciarapica. L’opposizione comincia dalle carte bollate e nell’esposto si contesta la convocazione d’urgenza dopo la seduta deserta dello scorso 31 luglio: «Il presidente Morresi, calpestando quanto previsto dall’art. 13 sia dello Statuto comunale che del Regolamento del Consiglio comunale, si è reso protagonista di un comportamento autoritario, non solo convocando d’urgenza il Consiglio con punti all’ordine del giorno non legittimanti l’uso di tale proceduta – si legge nell’esposto – ma soprattutto omettendo di convocare i capigruppo consiliari. L’indizione della conferenza dei capigruppo era un atto assolutamente obbligatorio e necessario per legittimare una nuova convocazione dell’assise consiliare. In quella sede, inoltre, il presidente avrebbe potuto e dovuto motivare il motivo dell’urgenza. Invece, la convocazione del Consiglio comunale di mercoledì 2 agosto 2017, ha sottratto dagli argomenti all’ordine del giorno i due veri punti urgenti ed indifferibili posti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 31 luglio 2017, ovvero il riconoscimento dei debiti fuori bilancio per interventi urgenti e per mancata devoluzione mutui, riproponendo inalterati tutti gli altri argomenti che sicuramente avrebbero potuto essere discussi nel corso di una seduta non convocata d’urgenza». La mancata convocazione dei gruppi consiliari e l’audizione della sola maggioranza sarebbe per l’opposizione motivo di contestazione e di mancata garanzia di obiettività e imparzialità: «ha dimostrato di essere il presidente di una parte e non, come il suo ruolo richiederebbe, di tutto il consiglio comunale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X