Gli innamorati di Fontebella:
la leggenda salvata dall’oblio

SAN SEVERINO - Lo storico Raoul Paciaroni nell'ultima pubblicazione per la collana curata dal Comune narra la storia d'amore e il tragico epilogo di Sventatora
- caricamento letture
raul-paciaroni

L’incontro dello storico Raoul Paciaroni nella sede dell’Uteam

L’Uteam, l’Università della Terza Età dell’Alto Maceratese, ha ospitato nei giorni scorsi la  presentazione del libro “Fontebella: leggenda e storia”, realizzato dallo storico settempedano Raoul Paciaroni per la collana di pubblicazioni a cura del Comune di San Severino. All’iniziativa erano presenti, oltre all’autore del volume, anche l’assessore comunale alla Cultura, Vanna Bianconi, il presidente dell’Uteam, Adriano Vissani, la direttrice, Anna Vissani e il rettore, Giammario Borri. L’opera pubblicata da Paciaroni è la 35esima per la collana di pubblicazioni edita  dall’amministrazione comunale. Stavolta l’attento storico ha salvato dall’oblio la leggenda, un tempo ben nota nel settempedano, che narra il sentimento e la tragica fine di due innamorati in un luogo caro a molti lungo la valle del Potenza nel percorso che si stringe alle spalle di San Severino. Proprio qui, a circa 2 chilometri dal centro urbano, in località Sventatora, sul fianco della montagna vi è stata fino a pochi anni fa una fontana di acqua freschissima e cristallina che confluiva poi nel fiume Potenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X