Camerino, sos dei piccoli proprietari

SISMA - Simonetta Simoni, impiegata di 62 anni, punta l’attenzione sul problema di chi, come lei, ha perso i guadagni dalle seconde case nella città ducale
- caricamento letture
La zona rossa di Camerino

La zona rossa di Camerino

 

«Qui a Camerino in tanti vivono solo con i soldi delle case in affitto che però sono state danneggiate dal sisma. Ci sono persone che hanno solo quello come sostentamento mensile, hanno bisogno di aiuto». Così Simonetta Simoni, impiegata di 62 anni, punta l’attenzione sul problema di chi, come lei, ha perso i guadagni dalle seconde case che nella città ducale «quasi tutti hanno – dice Simoni – ma dopo il terremoto tante sono inagibili. Gli affittuari se ne sono andati e spesso vengono ospitati sulla costa, studenti compresi. Noi piccoli proprietari che viviamo di questo siamo invisibili, nessuno parla di noi. Ho degli amici disperati. Con la mia famiglia viviamo a Macerata ma da generazioni investiamo in case a Camerino e ora ho perso oltre mille euro al mese di introiti. Ho 5 case tutte inagibili e parzialmente crollate. Anche alcuni miei parenti che vivono a Camerino non hanno più né casa loro né le case in affitto e se la passano molto male. L’unico contratto che ho mantenuto è quello di un negozio alle porte della zona rossa ma per aiutare il gestore che ha difficoltà non gli chiedo nemmeno l’affitto. Qualcuno deve pensare anche a noi».

(Fe. Nar.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X