Niente revoca dei domiciliari,
Cerolini rimane agli arresti

CIVITANOVA - Respinta dal Tribunale della libertà la richiesta dei legali del patron del club rossoblu. Era finito in manette il 21 luglio scorso
- caricamento letture
Giuseppe Cerolini questa mattina alla caserma della Finanza di Macerata

Giuseppe Cerolini alla caserma della guardia di finanza di Macerata

 

Il patron della Civitanovese, Giuseppe Cerolini, resta agli arresti domiciliari. Respinta la richiesta dei legali avanzata al Tribunale della libertà di Ancona per ottenere una misura cautelare meno afflittiva per l’imprenditore. Cerolini era finito in manette lo scorso 21 luglio in seguito alle indagini condotte dalla Guardia di finanza relativamente a vicende di presunte frodi fiscali milionarie. La procura di Macerata aveva chiesto l’arresto di Cerolini e del suo collaboratore Giovanni Aldo Mellino dopo che dalle indagini era emersa la vicenda di una azienda aperta in Bulgaria (da Mellino) e verso la quale due società legate al patron della Civitanovese avrebbero versato 410mila euro senza pagare l’Iva. Fatti che sarebbero avvenuti nonostante sul conto di Cerolini fossero già aperte due indagini per reati di natura fiscale e che avevano portato dall’inizio dell’anno a sequestri, nel complesso, per 21 milioni di euro. I legali di Cerolini, gli avvocati Gabriele Cofanelli e Domenico Basile, avevano chiesto a luglio la scarcerazione. Oggi è arrivata la risposta da parte dei giudici che hanno deciso di confermare la custodia cautelare agli arresti domiciliari. Il gip del tribunale di Macerata, Domenico Potetti, nell’ordinanza di custodia cautelare aveva parlato di una «spinta criminogena quasi inarrestabile» del duo Cerolini-Mellino. Non solo, secondo il gip Mellino sarebbe vicino alle ‘ndrine calabresi.

I legali di Cerolini, alla luce della decisione del Tribunale della libertà, faranno ricorso in Cassazione.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X