Capponi contro il tandem
Pettinari- Carancini:
“La Raci non è la fiera di paese”

La rassegna agricola presa in carico dal Comune di Macerata si svolgerà dal 13 al 15 maggio. Oggi prima riunione operativa con il presidente della Provincia: "Saremo più che mai una squadra unita". Critico il primo cittadino di Treia che avrebbe voluto il coinvolgimento di tutti i sindaci
- caricamento letture
Pettinari-Carancini (1)

Il presidente della Provincia Antonio Pettinari con il sindaco Romano Carancini

di Claudio Ricci

«L’edizione 2016 della Raci si svolgerà il 13, 14 e 15 maggio». Ad annunciarlo è il sindaco di Macerata Romano Carancini, che ieri ha reso noto il passaggio di testimone dalla Provincia al Comune nell’organizzazione della rassegna agricola del centro Italia (leggi l’articolo). Ma il conclave tra istituzioni non è piaciuto al primo cittadino di Treia Franco Capponi che avrebbe voluto essere coinvolto nell’organizzazione.

La 32esima edizione era stata messa in discussione fino a ieri dal critico passaggio di funzioni dalla Provincia alla Regione che non dava rassicurazioni su chi e come dovesse farsi carico dell’organizzazione dell’evento. Anche l’anno scorso la Raci era stata ad un passo dalla chiusura ma la collaborazione fra enti aveva salvato in extremis la fiera poi rivelatasi da record.

 

 

raci pettinari carancini

Il passaggio di testimone tra il sindaco Romano Carancini e il presidente della Provincia Antonio Pettinari

«La Raci continua –  ha commentato il presidente della provincia Antonio Pettinari – grazie al Comune di Macerata. Anche la passata edizione aveva visto la collaborazione dei Comuni di Macerata e Recanati. In questi mesi ho avuto il timore che il nostro territorio fosse privato di una manifestazione straordinaria, che specie negli ultimi anni era cresciuta così tanto da diventare un appuntamento conosciuto e atteso a livello nazionale. Un’occasione di promozione ma anche di rilancio dei valori della cultura e tradizione della nostra civiltà contadina».

Bovini_Raci_Foto LB (1)

Due esemplari in esposizione nella passata edizione

Intanto la macchina organizzativa si è già messa in moto con il sostegno garantito dalla Regione. Stamattina si è svolto il primo incontro operativo in Provincia tra il sindaco Romano Carancini e il presidente Antonio Pettinari. «Saremo, più che mai, una squadra unita – afferma il sindaco Romano Carancini – che saprà mettere insieme i successi e l’esperienza maturata con l’entusiasmo e l’energia necessari per affrontare questa sfida che rappresenta una grande opportunità per il nostro territorio».
Ma come suggerisce il vecchio adagio: “Mogli e buoi dei paesi tuoi”. E così il matrimonio organizzativo tra Provincia e Comune di Macerata non è andato giù al sindaco di Treia, e compaesano di Pettinari, Franco Capponi. Tra l’altro, dal suo territorio arrivano molti degli allevatori che partecipano alla sfida tra capi bovini. «La Raci è un’iniziativa di tutto il territorio e non una festa di paese- ha detto Capponi – si poteva lavorare in maniera unitaria chiamando anche gli altri sindaci».

Franco Capponi_San Patrizio_Foto LB (1)«L’unica cosa che poteva fare la Provincia era chiamare i sindaci per lavorare ad un coinvolgimento di tutto il territorio da dove, tra l’altro, provengono la maggior parte degli allevatori presenti alla rassegna. Se c’è da programmare qualcosa in area vasta è bene sentire tutti i sindaci. Purtroppo però questo modo di fare autoreferenziale è tipico di questa amministrazione provinciale».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X